Addio Tasso, eri il re della Riva Destra L’ultimo saluto di Marco Savastano al suo fedele amico, «era di più di un cane lupo, era un personaggio pubblico»

<span class="entry-title-primary">Addio Tasso, eri il re della Riva Destra</span> <span class="entry-subtitle">L’ultimo saluto di Marco Savastano al suo fedele amico, «era di più di un cane lupo, era un personaggio pubblico»</span>

Di Isabella Puca

Ischia  – Di storie d’amicizia ne è pieno il mondo, ma qualcuna, alle volte, sa essere un poco piĂą speciale. Come quella di Marco Savastano e di Tasso, il suo pastore tedesco che, da qualche giorno, non c’è piĂą. Ascoltando Marco parlare di Tasso sembra di rivivere un’altra incredibile testimonianza di quanto l’amore di un cane possa essere sublime, come quella di Hachiko che, ogni mattina, aveva l’abitudine di accompagnare il suo padrone alla stazione ferroviaria attendendolo lì, con pazienza, fino alla fine della giornata, pronto ad accoglierlo al suo ritorno. Aveva appena 30 giorni quando Tasso è arrivato nella vita di Marco restandoci per ben 14 anni; era la sua ombra durante i viaggi, al ristorante e in barca. Tasso era un perfetto lupo, di mare. Di lui si può dire che era un vero e proprio personaggio pubblico ed è per questo che Marco ha deciso di affidargli l’ultimo saluto a mezzo stampa, un modo per dire all’intera isola che Tasso, purtroppo, non c’è piĂą. «Tasso è cresciuto sul Castello Aragonese – ci racconta Marco – dove io e Cristina Mattera lo abbiamo allevato; ha abitato lì per dodici anni con noi e il nostro amore. Era conosciuto e amato da tutti, frequentava l’Eden, le Fumarole e Peppina di Renato, dai mari ai monti fino ai locali notturni. Era il re della riva destra, educato, affettuoso aveva un carattere d’oro, era un super lupo». La sua figura era inconfondibile, camminava sempre accanto al suo padrone, «veniva in barca con me, quando c’era scirocco si lanciava sul tender e insieme, l’andavamo a spostare. Era un lupo di mare, l’ultimo saluto l’ha fatto a Carlo Poerio della tavernetta a Sant’Angelo. Sull’Achernar, catamarano della Caremar, era sempre in cabina di comando, sulla Celestina, invece, andava ad accucciarsi direttamente a prua. Ha viaggiato ovunque con me soggiornando in tutte le suite dell’hotel Royal Continental». Tasso si è spento una settimana fa e da allora sono state tante le persone che, vedendo Marco senza la sua inconfondibile ombra, hanno chiesto di lui. «SarĂ  difficile per me adesso tornare a casa, svegliarmi la mattina, andare in barca e non poter piĂą convivere l’amore enorme e incondizionato che ci legava. La nostra è stata una bellissima amicizia e Tasso un vero e fedele amico cane lupo. Addio tuo fedele amico Marco».

Commenti