ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Al via i lavori a Piazza degli Eroi, inizia l’odissea

ISCHIA. Potrebbe non essere finita qui ma nel frattempo, credeteci, è già parecchio. Dopo via Vincenzo Di Meglio, arteria fondamentale di collegamento tra Ischia e Barano, ecco che nel Comune capofila dell’isola verde nella mattinata di ieri hanno di fatto avuto inizio i lavori per la riqualificazione di Piazza degli Eroi. A metà mattinata si sono ritrovati sul posto gli uomini della polizia municipale, i tecnici della ditta incaricata ed il sindaco d’Ischia Enzo Ferrandino, accompagnato dal vice Luigi Di Vaia. E’ stata “recintata” l’area che congiunge con l’ingresso di via Edgardo Cortese, mentre la rotatoria originaria è stata ricavata con una serie di ostacoli leggermente scostata dal punto centrale in cui si trovava in precedenza, in modo da consentire la circolazione su entrambi i sensi di marcia. Un escamotage, questo, che consentirà la normale circolazione e il regolare deflusso dei veicoli, ma ovviamente è chiaro che arriveranno momenti “neri”. E un antipasto, in fondo, lo si è avuto già nella giornata di ieri, quando il traffico è rimasto notevolmente rallentato solo quando si è trattato di sistemare reti metalliche e apparecchiature per la predetta nuova rotatoria. Pochi minuti, ma sono bastati a rendere l’idea di quello che ci si potrebbe apprestare a vivere di qui a breve.

Ovviamente i lavori a Piazza degli Eroi, lo ricordiamo ancora, sono stati oggetto di un’ordinanza firmata dal comandante della polizia municipale Chiara Boccanfuso e che prevede già a partire dalla giornata di ieri la sospensione di tutti gli stalli di sosta esistenti sul lato destro dell’edicola di via Michele Mazzella mentre l’individuazione della fermata bus angolo via Michele Mazzella è stata traslata prima dell’incrocio con via Variopinto. Ma è chiaro che in corso d’opera, e soprattutto in funzione delle aree e dei punti della piazza in cui si andrà ad operare, saranno apportati ulteriori accorgimenti. Considerata la strategicità che riveste la zona, non resta che incrociare le dita. Ce n’è davvero bisogno…

Gaetano Ferrandino

foto franco trani

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close