Benzina in aumento, Ischia si conferma capitale dei prezzi “folli”

Benzina in aumento, Ischia si conferma capitale dei prezzi “folli”

in Italia si parla di benzina al rialzo a € 1,60 a litro. Sull’isola siamo a 1,96, quasi 40 centesimi in più rispetto alla media nazionale. Una vergogna tutta locale che è causa di un ‘monopolio’ della Ambrosino che vede come protagonista assoluto il rag. Antonio Pinto. È lui che stabilisce e applica i prezzi su Ischia e lui che da anni dispone tariffe alte e assolutamente inaccettabili.
Queste sono le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri 15 maggio 2018: benzina self service a 1,615 euro/litro (pompe bianche 1,591), diesel a 1,487 euro/litro (pompe bianche 1,466).
Molto lontani dai prezzi praticati già da oltre una settimana a Ischia. Si parla, lo ripetiamo, di circa 40 centesimi in più rispetto al resto d’Italia. Una vergogna che arricchisce solo le tasche di Ambrosino a danno dei concittadini di Ischia. E sembra che Pinto, che ha preso il porto di Casamicciola, abbia intenzione di installare una nuovo distributore di carburante…

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment