ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Caso strisce blu, ora la S.I.S. chiede i danni

FORIO. Con determina del responsabile del settore Affari Generali, Dott. Francesco Castaldi, è stato ufficialmente conferito all’avvocato Giuseppe Di Meglio l’incarico di difendere il Comune di Forio nel processo intentato dalla S.i.s., Segnaletica Industriale Stradale S.r.l., che lo scorso 12 gennaio ha citato l’ente presso il Tribunale di Napoli (sez. di Ischia) in una causa di risarcimento danni. La controversia tra la società e il comune turrito, sorta la scorsa estate, finisce così per prendere le vie legali. Il comune di Forio infatti, diramò all’epoca il seguente avviso: «Si comunica che il 20 luglio 2015 il contratto per il servizio di gestione delle aree di sosta o pagamento senza custodia di autoveicoli con la società S.I.S. (Segnaletica Industriale Stradale) srl, è terminato, per cui a far data dal 21 luglio 2015 detto servizio verrà espletato direttamente dalla Polizia Municipale di Forio».  La società, sita a Corciano (in provincia di Perugia) e rappresentata dall’ing. Antonio Di Donna, non ha accettato tale epilogo e adesso pretende di essere risarcita. Il Comune di Forio, comunque, tuttora paga alla S.i.s. l’affitto per le “colonne” adibite a parcometri, che emettono il titolo attestante il diritto alla sosta con l’indicazione della scadenza del tempo acquistato. Per l’avvocato Giuseppe Di Meglio la determina comunale ha stabilito un compenso omnicomprensivo di € 1500,00 oltre iva e cpa e  oltre le spese obbligatorie di legge, se documentate. In caso di liquidazione in sentenza a favore dell’Ente delle spese di giudizio di importo superiore al corrispettivo stabilito, l’ente corrisponderà in favore del professionista incaricato la sola differenza , restando a carico dello stesso l’onere di recupero senza ulteriori spese per l’ente. Il tema delle strisce blu a Forio aveva sovente suscitato varie polemiche, con l’opposizione che accusava l’amministrazione guidata dal sindaco Francesco Del Deo di non aver tenuto fede alle promesse fatte in campagna elettorale, tra cui vi era anche quella di introdurre un abbonamento annuo di 36 euro per i residenti foriani. L’amministrazione rispose con il comunicato sopracitato che revocava il servizio alla S.i.s.  facendo tornare il Comune in possesso delle strisce blu, che la precedente amministrazione aveva dato in gestione alla società umbra anche per i prossimi anni. Ora, la palla passa agli avvocati e il responso definitivo sulla vertenza toccherà al Tribunale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close