ARCHIVIO 4CULTURA & SOCIETA'

Catena Alimentare: dai sommelier di Ischia e Procida i primi 500 euro per l’acquisto di un furgone

di Isabella Puca
Casamicciola – Venerdì pomeriggio all’Hotel Villa Maria l’Associazione Italiana Sommelier – sez.Ischia e Procida – ha donato 500,00 euro all’associazione Catena Alimentare Casamicciola. «Un gran bel gesto da parte di tutti loro, che ci aiuta a pensare di poter raggiungere un altro piccolo grande traguardo». Commentano così dall’Associazione ideata da Nunzia Mattera che lancia un appello, «a fine mese l’associazione entrerà nel circuito del Banco Alimentare, questo ci consentirà di ricevere kg e kg di derrate alimentari dalla terraferma, ma abbiamo un problema. Come trasportarli in sede? Abbiamo bisogno di un furgone! A breve, proprio qui su Facebook, partirà una raccolta fondi per l’acquisto di questo furgone. Nunzia Mattera diceva sempre che siamo tante gocce: sull’isola siamo circa 60mila abitanti e se ognuno offrisse anche solo il costo di un caffè al bar sarebbe di grande aiuto. Ci rivolgiamo alle aziende, alle associazioni: dateci una mano e in qualità di amici della Catena Alimentare vi porteremo con noi il giorno della consegna. Come? Aggiungendo il vostro simbolo sulla carrozzeria del furgone. Sarà un modo per accompagnarci sempre nel nostro cammino e per far sapere a tutti che siamo amici! Aiutateci ad aiutare». A meno di 24h dal lancio della raccolta su Facebook – ma anche chi non è sui social può donare IBAN IT98B0335901666100000135923 – è stata già raggiunta la cifra di 300 euro, ma si può continuare fino alla fine di aprile. “Stanotte ho sognato Nunzia alla guida del furgone. Stamattina mi sono svegliata e ho fatto la mia piccola donazione. Perché a Nunzia piacciono i piccoli gesti, le piccole gocce che formano l’oceano. – Scrive così Luciana Morgera una delle attivissime dell’associazone – chi non possiede una carta di credito o ha timore di effettuare acquisti in rete può partecipare alla raccolta fondi donando una piccola cifra direttamente alla catena alimentare”.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close