ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Depuratore sulla litoranea, via alle indagini sismiche

CASAMICCIOLA TERME. Si torna a parlare di depuratore tra Casamicciola e Lacco Ameno. Il Commissario straordinario unico per la depurazione ha definitivamente siglato un contratto d’appalto con la Geotec srl di Napoli, che avrà ad oggetto “l’esecuzione di una campagna di indagini geognostiche, sismiche, ed ambientali” per l’impianto di depurazione a servizio dei due Comuni. Come alcuni ricorderanno, la realizzazione dell’impianto, per un importo complessivo di oltre 43 milioni di euro, è ricompresa tra gli interventi finanziati dalla Regione Campania con le risorse dei Fondi di sviluppo e coesione del periodo 2007-2013. Somme assegnate allo scopo di garantire il superamento della condanna giunta al termine procedura d’infrazione della Commissione Europea nel 2012, perché non era stata correttamente attuata la direttiva 271/1991 della Cee sul trattamento delle acque reflue. La procedura negoziata per l’affidamento delle indagini fu indetta nel 2015, col criterio del prezzo più basso per l’aggiudicazione. Un anno dopo, la giunta regionale campana provvide all’aggiudicazione definitiva alla citata Geotec, che aveva offerto un ribasso percentuale del 50,42% sull’importo di euro 54.809,38, per un importo complessivo di aggiudicazione pari a euro 28.293,05 compresi i costi per la sicurezza. Nel frattempo, due anni fa, il professor Enrico Rolle venne nominato “Commissario straordinario unico” per la realizzazione degli interventi funzionali a garantire l’adeguamento, nel minor tempo possibile, alle sentenze di condanna della Corte di Giustizia dell’Unione Europea in materia di colletta mento, fognatura e depurazione delle acque reflue. Il Commissario ha la necessità di procedere con urgenza alla realizzazione degli interventi in questione e ha quindi tutto l’interesse a dare continuità all’attività avviata dalla Regione Campania, come la procedura citata in apertura. Le indagini geognostiche, sismiche e ambientali affidate alla Geotec sono comprensive delle analisi chimiche di laboratorio dei terreni interessati dagli interventi previsti nel progetto dell’impianto di depurazione. Il tempo massimo per l’espletamento delle attività affidate è fissato in quarantacinque giorni consecutivi dopo la sottoscrizione del contratto.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close