Ferrandino contro Orban: anche Giosi “spara” sul premier ungherese

Ferrandino contro Orban: anche Giosi “spara” sul premier ungherese

ISCHIA – C’è anche un po’ di Ischia nell’attacco frontale che la maggioranza del Parlamento Europeo ha sferrato contro l’Ungheria di Viktor Orban, ritenuto una minaccia per lo Stato di Diritto e per la stessa sopravvivenza della democrazia del vecchio continente.

L’aula di Strasburgo ha votato, evento davvero raro, a favore dall’attivazione dell’articolo 7 dei Trattati che prevede sanzioni per gli Stati che attuino azioni anti-democratiche. Il Partito popolare europeo si è spaccato a causa della componente tricolore, composta da Forza Italia, che ha votato contro. Compatto invece il gruppo S&D, di cui fa parte anche il PD di Giosi Ferrandino, già sindaco di Casamicciola, per dieci anni di Ischia e ora, dopo una lunga attesa, finalmente parlamentare europeo.

Il messaggio della compagine europea del Partito Democratico è chiaro: la democrazia in Europa è ancora in buona salute e un governo non può permettersi di assumere provvedimenti lesivi della libertà, che siano contro la democrazia. Orban – secondo la compagine del Partito Democratico – sta mettendo a repentaglio libertà di associazione, di espressione religiosa e sta sferrando anche duri attacchi all’indipendenza della magistratura.

Giosi Ferrandino si trova così al centro di una battaglia politica davvero fondamentale per il futuro e la solidità dell’unione europea che si è fatto portavoce, assieme ai suoi colleghi di un messaggio chiaro: non è possibile chiudere gli occhi quando uno Stato membro dell’Unione Europea viola e mette a repentaglio i fondamenti su cui si fonda l’Europa. Sulla possibile deriva sovranista in Italia Giosi non ha dubbi: nonostante siamo lontani dagli eccessi ungheresi i segnali lanciati dal ministro degli interni Matteo Salvini vanno in quella direzione. Se non fossimo intervenuti con l’Ungheria – ha chiarito il parlamentare europeo ischitano – anche altri leader europei, compresi i nostri connazionali, si sarebbero sentiti legittimati ad assumere provvedimenti anti democratici.

Secondo Orban questo provvedimento è solo una ripicca da parte del Parlamento Europeo a seguito del suo rifiuto di accogliere migranti all’interno del territorio ungherese. Ma per Giosi Ferrandino le due cose sono completamente scollegate. Fa pensare però che dopo i miliardi di euro versati in aiuto dell’economia ungherese nel momento del bisogno lo stato attualmente guidato da Orban abbia voltato le spalle a una richiesta di aiuto.

E l’ex sindaco di Ischia non manca di sottolineare altre strane incongruenze come laa spaccatura tra Lega e Movimento 5 Stelle, alleati di governo, che in Europa sull’articolo 7 abbiano votato in maniera diametralmente opposta, un segno di quanto sia profonda, in realtà, la spaccatura di vedute tra le due anime del governo giallo verde.

Antonello De Rosa

 

 

 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment