SPORT

Gianni Di Meglio: «Sappiamo di non poter sbagliare»

L’allenatore del Barano carica i suoi in vista della decisiva sfida di questa mattina contro l’Albanova: in palio c’è la possibilità di giocare i playout in casa o di evitarli addirittura.

L’incontro di oggi tra il Barano e l’Albanova rappresenta per i bianconeri l’ultima spiaggia per provare a giocare i playout in casa o magari anche ad evitarli. Certo è che i bianconeri sono obbligati a vincere per evitare qualsiasi rischio. Purtroppo, infatti, la classifica parla chiaro, come anche la serie di match di quest’ultima giornata. Con il Real Forio impegnato in casa contro la Flegrea, già salva, e la Puteolana, sempre sul proprio campo, che dovrà invece vedersela con il Casoria, a rischiare di più sono senza dubbio i baranesi che dovranno giocare in trasferta questo cruciale ultimo turno di campionato. Sia chiaro, i playout sono praticamente assicurati, ma resta da capire se verranno o meno giocati in casa. La differenza tra le due possibilità è molto importante, in quanto giocando al “Don Luigi Di Iorio” il Barano avrebbe a disposizione due risultati su tre, il che in una partita ad eliminazione diretta fa sempre decisamente comodo. Peccato non essere riusciti ad evitare la sconfitta sabato pomeriggio in casa con l’Afro Napoli, visto che anche con una vittoria sarebbe cambiato quasi del tutto il panorama del fondo della classifica. Anche lo stesso tecnico del Barano, Gianni Di Meglio, è conscio del fatto che servirà un’impresa dopo il KO contro la squadra di Ambrosino: «Sicuramente è stata una brutta sconfitta, soprattutto perché avevamo cullato un sogno, però il nostro obiettivo era comunque quello di giocare i playout in casa ed abbiamo ancora un’altra partita per fare quest’ultimo sforzo portando i punti a casa e poterci giocare il tutto per tutto». Peccato non aver ottenuto nulla, anche perché il Barano contro l’Afro Napoli non aveva affatto sfigurato: «Buona prova, anche se purtroppo la posta in palio era molto alta. Penso che potevamo giocare ancora meglio. Complimenti all’Afro Napoli e al mio amico Ambrosino che hanno giocato la loro partita e mi auguro che lo faccia qualcun altro, poi in futuro vedremo». Non ci va certo leggero l’allenatore del Barano, che evidentemente non si sarebbe aspettato di trovarsi contro una squadra così motivata e letale che in realtà era già salva e senza nulla da chiedere ancora al campionato. Anche il rapporto personale con il tecnico Ambrosino ha avuto il suo peso, con Gianni Di Meglio che a fine partita era logicamente arrabbiato. A tal proposito, nell’ultimo comunicato del Giudice Sportivo si è letto anche di una squalifica di tre mesi al tecnico bianconero, reo di aver detto chissà cosa ai componenti della panchina avversaria. Certamente un provvedimento eccessivo verso l’allenatore isolano, ovviamente teso al termine di un match che in caso di esito differente avrebbe potuto mettere la stagione in maniera del tutto differente. Ora il Barano è infatti obbligato a fare risultato contro l’Albanova. «Sicuramente – ci dice Gianni Di Meglio – sarà una partita in cui dipende solo da noi, perché loro non hanno più motivazioni, hanno poco da chiedere a questo campionato. Gli unici che hanno bisogno di punti siamo noi e come regola le motivazioni possono fare molto. Noi dobbiamo andare lì sapendo di non poter sbagliare». Solo 19 i convocati per il match con l’Albanova, con Errichiello assente per un problema alla caviglia e Pistone acciaccato per via di un problemino muscolare che aveva addirittura fatto pensare ad una possibile non convocazione per il jolly arrivato nel mercato di riparazione, che invece figura tra gli atleti scelti dal tecnico del Barano. Al di là dei moduli e degli uomini che andranno in campo, saranno infatti le motivazioni a giocare un ruolo chiave nel match di oggi con l’Albanova.

Convocati: Punzo, Migliaccio, Chiariello, Cuomo C., Di Meglio, Oratore, Cuomo R., Guidone, Cirelli, Arcamone G., Pistola, Manieri, Scritturale, Mazzella, Di Costanzo, Arcamone A., Conte N., Montanino, Conte A.

La terna. A dirigere l’incontro tra l’Albanova e il Barano sarà Gennaro Decimo della sezione di Napoli, coadiuvato da Domenico Piscitelli di Caserta e Romualdo Piedipalumbo di Torre Annunziata.

Real Forio, oggi il match point contro la Flegrea

Stamattina alle 11.00 al “S. Calise” si deciderà un’intera stagione. A Forio sono tutti ben consci dell’importanza del match contro la formazione di Califano, per questo la società ha ancora una volta optato per lasciare aperti i cancelli a tutti i residenti isolani. Da parte del Real Forio c’è tanto rispetto per la partita e per l’avversario, ma si cercherà in ogni modo di fare risultato, perché così facendo, anche con un pareggio, si eviterebbero persino i playout. Se infatti il Forio riuscisse ad accaparrarsi solo un punto e Barano e Puteolana dovessero vincere, sarebbero comunque i biancoverdi a restare al quintultimo posto, in virtù dei risultati favorevoli negli scontri diretti con entrambe le squadre. Citarelli ha caricato la squadra per tutta la settimana e non si può avere dubbi sul fatto che il Real Forio venderà cara la pelle, dal primo all’ultimo minuto.

Annuncio

I convocati del Real Forio: Mangiapia, Capuano, Trofa D., Lombardi, Sollo, Sannino, Di Spigna, Savio, Iacono, D’Errico, De Luise M., De Luise V., Fiorentino, Cantelli, Filosa, Varrella, Nicolella, Verde A., Boria, Arcamone G., Trofa P.

I convocati della Flegrea: Ciccarelli, Schiano, Evangelista, Pirozzi, Iannuzzi, Di Meo, Punziano, Del Grande, Basile, Trotta, Costagliola, Romano, Salierno, Di Napoli, Di Maio, Illiano, Pastore, Lucignano, Moccia, Palma, Grimaldi

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche

Close
Back to top button
Close