Gli studenti ischitani insieme per un’isola libera dalla plastica Anche il comprensivo di Forio ha partecipato all’appuntamento ecologico globale, intanto anche l’Istituto Telese bandisce la plastica a favore di materiali riciclabili

<span class="entry-title-primary">Gli studenti ischitani insieme per un’isola libera dalla plastica</span> <span class="entry-subtitle">Anche il comprensivo di Forio ha partecipato all’appuntamento ecologico globale, intanto anche l’Istituto Telese bandisce la plastica a favore di materiali riciclabili </span>

di Isabella Puca

Forio –  Anche Ischia ha contribuito  al World Cleanup Day, appuntamento ecologico globale  finalizzato a  sensibilizzare alla tutela dell’ambiente  e alla consapevolezza  dell’emergenza rifiuti.  A prendere parte all’evento gli studenti delle classi prime dell’Istituto Comprensivo Forio con i loro docenti che hanno così portato a termine un lavoro iniziato la scorsa primavera, con il contributo dell’Associazione Nemo e di Marevivo Italia.  Con loro anche il comandante dell’ Ufficio Circondariale Marittimo Di Ischia Andrea Meloni, il comandante della capitaneria di porto di Forio Leopoldo Iervolino e il sindaco di Forio, Francesco Del Deo. Lo scorso 14 settembre un coloratissimo corteo è partito dalla Scuola Santa Caterina da Siena, località Monticchio, percorrendo via Castellaccio, via Matteo Verde, via San Gaetano, fino ad arrivare sul tratto di spiaggia del porto, antistante il Comune.  Una volta lì, i ragazzi delle classi prime, attrezzati con buste di carta e guanti da giardino hanno effettuato la raccolta delle plastiche nel tratto di spiaggia interessato. Ai ragazzi delle seconde il compito di comunicare il senso della giornata ai passanti. Fondamentale l’osservazione da parte dei ragazzi che, anche da uno sguardo veloce, hanno potuto rendersi conto di quanta plastica è diffusamente presente negli scogli e nell’acque intorno al porto. I ragazzi delle classi terze hanno invece effettuato una raccolta dati tramite un questionario rivolto a chi era nel loro campo d’azione; tra le domande usi e smaltimento delle plastiche. «Il mare è il luogo con più energia al mondo. Per poter beneficiare ancora di questa energia è però necessario proteggerlo e tutelarlo. Per tutto il mondo oggi è il World Clean Up Day, un giorno speciale, un giorno per aiutare il nostro amato pianeta a respirare meglio. Oltre 150 Paesi in tutto il mondo, e più di 20 milioni di persone hanno aderito al movimento globale, ripulendo oltre 500.000 tonnellate di immondizia in oltre 100 paesi, salvando vite, migliorando la salute e riducendo i costi. E oggi anche i nostri piccoli studenti delle classi prime della secondaria di primo grado, con i loro docenti, hanno partecipato a questa meravigliosa iniziativa portando a termine un lavoro iniziato la scorsa primavera. Oggi la potente onda verde dell’Istituto Comprensivo Forio 1 è giunta fino al Molo Borbonico di Forio per pulire le nostre amate spiagge e per sensibilizzare alla salvaguardia dell’ambiente marino. Molti passanti, incuriositi, turisti e non, hanno avuto modo di apprezzare la passione e la tenacia dei nostri studenti che con grande entusiasmo si sono dati da fare per ripulire dai rifiuti l’area e per sottoporre un piccolo questionario». Questo il messaggio lanciato dalla scuola  paladina, oggi più che mai, dell’ambiente. Un’iniziativa questa del dire stop alla plastica ripresa anche dall’Istituto “V.Telese”. All’interno del Piano dell’Offerta formativa il Collegio dei docenti dell’Istituto Vincenzo Telese ha deciso, infatti, di avviare un progetto triennale per dire No all’uso indiscriminato della plastica. “Per l’istituto Vincenzo Telese, che deve formare i futuri operatori nell’industria del turismo e dell’accoglienza, – questo quanto fatto sapere dai docenti – è necessario che cresca la coscienza che lo sviluppo del benessere e della ricchezza in un ambiente così delicato come l’isola d’Ischia non può più prescindere dalla difesa dell’ambiente, dalla valorizzazione del paesaggio, dalla tutela della ricchezza naturale.  Il progetto partirà dalla programmazione di acquisti e di pratiche d’uso che privilegino materiali riciclabili per procedere ad una progressiva rinuncia alle sostanze plastiche. Si spera di trovare nella realizzazione di questo progetto le necessarie alleanze, a partire dalle Amministrazioni locali, perché cresca in tutti la consapevolezza che il futuro nostro e delle generazioni a venire dipende da ciò che ora facciamo”.

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment