Il miracolo dei due sandali trasformati in pepite d’oro

Il miracolo dei due sandali trasformati in pepite d’oro

Se qualcuno non conosceva che anche i calzolai hanno il  loro santo protettore, da oggi in poi può dire di saperlo, solo che almeno a Iscia non sono servito ad evitare l’estinzione della vecchia e tradizionale categoria . Nel caso che ci riguarda, nella storia si incontrano numerosi esempi di Santi e uomini illustri che esercitarono il mestiere del calzolaio:fra di loro il filosofo Simone d’Atene,allievo di Socrate;Giacomo Pantaleone,che fu prete e patriarca di Gerusalemme e Papa con il nome di Urbano IV, fece grandi riforme e istituì la festa del Corpus Domini; Michele Enrico Buch, detto il Buon Enrico; Sant’Aniene,che fu calzolaio in Alessandria d’Egitto e naturalmente i SS.Martiri CRISPINO e CRISPINIANO, Patroni addirittura in tandem della categoria e nobili romani che predicarono la Religione Cristiana nelle Gallie e subirono il martirio a Sousson nel 287 per ordine dell’Imperatore Diocleziano. Due calzolai intenti al loro lavoro:così sono raffigurati i Santi Crispino e Crispiniano , perchè la storia del martirio attribuisce loro questo mestiere. Da secoli, per questo, i calzolai li venerano come loro patroni in tante parti d’Europa e naturalmente anche ad Ischia, dove i calzolai locali del passato, non tutti lo sapevano perché  non conoscevano chi fossero i due santi in questione.  Ischia Ponte negli anni’40 e ‘ 50 dove avevano bottega diversi calzolai, di essi forse, il solo Mastantunino ne era a conoscenza, perché più erudito degli altri, ed uno dei pochi che nel Centro Storico comprava e leggeva tutti i giorni il giornale. Non a caso veniva appellato come il ciabattino intellettuale.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Con i sellai, i guantai e i conciatori. La Chiesa, i calzolai Crisdpino e Crispiniano,  li ricorda come martiri: uccisi per la fede nella Gallia romana, ad Augusta Suessionum, l’attuale Soissons. Data della ricorrenza. Il 25 ottobre. San Crispino e Crispiniano erano due fratelli di origine romana appartenenti ad una famiglia aristocratica che,cad un certo punto della loro vita, si convertirono al cristianesimo e si dedicarono al Signore, diffondendo il Vangelo. Secondo la tradizione, di giorno predicavano e pregavano Gesù Cristo , mentre di notte lavoravano come calzolai. Si narra che:quando ormai l’impero romano stava crollando ed i contadini fuggivano all’incalzare delle orde di Attila,San Crispino e San Crispiniano una notte di Natale, tremanti di freddo, bussarono alla porta di una misera casupola di Crespy en Valois. Comparve una donna in lacrime. Con voce rotta dai singhiozzi, narrò che pochi giorni prima, suo marito era stato ucciso dai Vandali. Ora le rimaneva solo un bambino di due anni che piangeva in una culla. I due Santi,commossi, andarono ad abbattere un albero nel bosco vicino e intagliarono due rozzi sandaletti che posarono davanti al focolare spento. Poi si inginocchiarono in preghiera. Ed ecco che miracolosamente i trucioli che avevano gettato nel camino si misero a danzare e a brillare. Non erano più trucioli di legno,ma pepite d’oro. E così Crispino e Crispiniano furono proclamati patroni dei calzolai. Rimangono vivi tutt’oggi i festeggiamenti in onore di San Crispino con una Messa celebrata ogni anno il giorno 25 Ottobre nella Chiesa di San Domenico ad Acquaviva delle Fonti dove è custodito il quadro del Santo.

(michelelubrano@yahoo.it)

 

 

 

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment