“Ischia Street Art” apre a Forio uno spazio espositivo tutto dedicato all’arte da strada L’inaugurazione sabato 15 a partire dalle ore 20:00 con il vernissage della mostra “Street Art for Scampia Regeneration”

<span class="entry-title-primary">“Ischia Street Art” apre a Forio uno spazio espositivo tutto dedicato all’arte da strada</span> <span class="entry-subtitle">L’inaugurazione sabato 15 a partire dalle ore 20:00 con il vernissage della mostra “Street Art for Scampia Regeneration”</span>

Forio – Sono stati accolti con grande stupore i murales che hanno reso più bella la galleria del Soccorso a Forio. Una street art realizzata durante la manifestazione “Torri in luce, torri in festa” che ha visto per qualche giorno a lavoro alcuni studenti dell’Accademia delle belle arti di Napoli. E così il comune di Forio è pronto ad aprirsi a questa meravigliosa arte con un altro eccezionale evento. Sabato 15 luglio, a partire dalle ore 20:00 sarà inaugurato uno spazio espositivo dedicato esclusivamente alla street e urban art. Direttore artistico della “Ischia Street Art”, neogalleria situata in via Costantino 28 a Forio, sarà Salvatore Iacono che, da oltre vent’anni sostiene e promuove eventi culturali qui sull’isola. Ai piedi della torre Costantina, nel pieno centro storico del comune di Forio sarà ospitata una prima mostra collettiva inaugurata da Roberto Danilo Tisci “Street Art for Scampia Regeneration”: arte accessibile per luoghi accessibili, con le opere degli artisti: Glam, TDR, Zeir1, Trone, Fuso, Erot, Zago, Chenor, Wuk1, Eroin, Smok, MR.Fumo, Scampia Hand Made. «La Street Art – spiega Salvatore Iacono – è sempre più spesso veicolo per la fruizione delle periferie, intervenendo in quelle aree in condizioni marginali, riconfigurandone l’identità logorata dal diffuso degrado che rappresenta una delle più grandi barriere per questi luoghi. Frammenti marginali di città, tra luoghi e non-luoghi, per i profondi e diversi disagi che li attraversano, sono stati ribattezzati da Renzo Piano come “le città del futuro” per le quali è necessario immaginare e realizzare da subito “un rammendo” coerente e intelligente». Gli street artist, che fino a qualche anno fa erano considerati veri e propri vandali, spesso perseguitati, multati e condannati per deturpazione, oggi sono considerati come la voce di questi luoghi e l’unico strumento efficace di contrasto all’isolamento che li affligge. «Dal 2014 il progetto “Dalla periferia, al muro, al design” si occupa di rigenerazione urbana a Scampia, partendo da quella culturale, attraverso il coinvolgimento di giovani svantaggiati del quartiere in workshop che terminano con un evento svolto in un luogo a cui si sceglie di conferire una nuova qualità ambientale attraverso una performance da parte degli artisti invitati a partecipare all’intervento. Ciò consente la creazione di nuove sinergie tra le realtà che già operano nel luogo, puntando ad un riuso degli spazi vuoti o sottoutilizzati, andando a connotare l’intero spazio come un osservatorio, o meglio una nuova finestra di navigazione, sulle possibili trasformazioni urbane nell’ambito della sostenibilità ambientale, attivando la partecipazione, coltivando relazioni, ma soprattutto sperimentando sogni collettivi». Tra gli obiettivi della mission ischitana c’è la volontà di rappresentare e promuovere artisticamente con progetti, mostre e interventi di strada giovani writers internazionali, curare la produzione e la loro carriera, progettare e riqualificare ambienti degradati interni ed esterni, decorare interni ed esterni di aziende, negozi e privati e organizzare seminari e workshop con writers di fama internazionali. «Nell’ambito dell’esperienza di dialogo tra street art e design, – conclude Iacono – questa mostra rappresenta il risultato della ricerca sviluppata ad oggi a Scampia, attraverso la sinergia degli artisti intervenuti sul territorio e Scampia Hand Made, startup che opera nell’ambito dell’arte, design e rigenerazione urbana, con opere indoor e outdoor, molte delle quali nascono mediante un concept di recupero di alcuni pezzi delle opere murali realizzate in strada».

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment