POLITICAPRIMO PIANO

La minoranza “arnaldiana” cala l’asso Ciro Frallicciardi

Sarebbe il giovane consigliere comunale (con un breve passato anche da vicesindaco) il candidato alla carica di primo cittadino individuato da una costola dell’opposizione. Anche se…

Ormai non ci si riposa nemmeno il settimo giorno, anzi la domenica è proprio l’occasione per scambi di battute e di vedute che magari aprono gli orizzonti a chissà quali ragionamenti. A Casamicciola, inutile girarci intorno, la campagna elettorale è decisamente entrata nel vivo e in fondo mancano esattamente quaranta giorni al momento in cui dovranno essere consegnate le liste. E, di conseguenza, scoperte le proprie carte che per adesso sul tavolo di gioco restano ancora in parte occultate.

Peppe Zabatta non vede di buon occhio la soluzione e strizza l’occhio a Luigi Mennella: possibili “nozze” in vista? Caterina Iacono annuncia a il Golfo la sua discesa in campo, ma una frangia grillina gradirebbe sposare la causa mennelliana. E intanto spuntano i malumori di Giosi Ferrandino

Tra puntate, rilanci, contro rilanci e ovviamente anche qualche bluff, altrimenti non sarebbe politica. L’ultima notizia – e per ultima naturalmente intendiamo soltanto in ordine cronologico – arriva da uno dei due schieramenti dell’attuale minoranza. Secondo una serie di indiscrezioni decisamente attendibili, sarebbe stata raggiunta la quadratura del cerchio attorno alla candidatura a sindaco di Ciro Frallicciardi, attuale consigliere comunale e già vicesindaco all’epoca della sindacatura di Arnaldo Ferrandino. Quest’ultimo, evidentemente, sarebbe destinato a fare un passo indietro con la discesa in campo del suo “delfino”: non sappiamo se il noto commercialista si presenterà da candidato al consiglio comunale o se preferirà puntare su un altro “cavallo”, magari selezionato dal nucleo familiare.

Ma attenzione, perché nel gruppo che fa capo al già tre volte sindaco della cittadina termale, non ci sarebbe unità di intenti sul nome di Ciro Frallicciardi. Sembra infatti che Peppe Zabatta non abbia visto di buon occhio questa soluzione e la cosa sarebbe testimoniata anche dal fatto che il marittimo starebbe strizzando l’occhio al consigliere comunale Luigi Mennella. Tra i due sarebbe scoppiata la scintilla e non è escluso che – direttamente o indirettamente (ossia per interposta persona) il primo potrebbe seguire il secondo nell’avventura della competizione elettorale che si concluderà il 26 maggio con il responso delle urne. Bisognerebbe capire poi se dietro la “frenata” di Zabatta al sostegno di Ciro Frallicciardi ci siano soltanto motivazioni di carattere personale o anche politiche, nel senso che quest’ultimo venga ritenuta una figura non eccessivamente “di sostanza” per combattere quella che si prevede una battaglia senza esclusione di colpi. Rimaniamo su questo fronte.

Come leggete in altra parte del giornale, anche il Movimento 5 Stelle potrebbe presentare una sua lista candidando a sindaco Caterina Iacono, che ai microfoni de Il Golfo non ha nascosto la sua ambizione e la sua volontà di provare la scalata alla poltrona di primo cittadino. Il problema, però, è che l’universo grillino casamicciolese non sarebbe affatto schierato interamente dalla parte dell’architetto, tutt’altro: una buona frangia sarebbe infatti intenzionata a sposare la causa di un altro architetto, Luigi Mennella. La sua ricandidatura a sindaco, avrete capito, appare in ogni caso scontata. E Giosi Ferrandino, direte voi? La sua “ombra” continua ad aleggiare dalle parti del Capricho anche se il ricompattamento dell’attuale maggioranza sulla figura del sindaco uscente Giovan Battista Castagna potrebbe anche farlo recedere dalla volontà di giocarsi la partita elettorale: in fondo l’europarlamentare ha sempre detto di sentirsi “rappresentato” dall’amministrazione in carica e che una discesa in campo sarebbe stata possibile soprattutto in caso di frammentazione col rischio di ritorno al potere di personaggi non certo graditi all’esponente del Pd (ogni riferimento ad Arnaldo Ferrandino è assolutamente voluto).

Annuncio

Ma un fatto è certo, e ve lo raccontiamo con contezza e non certo come “spiffero” raccolto in qualche salotto frequentato da “bene informati”: nel momento in cui è stata raggiunta la quadratura del cerchio per la riconferma di Giovan Battista Castagna, Giosi Ferrandino lamenta di non essere stato messo al corrente di questa scelta né tantomeno di essere stato chiamato – lui o i suoi adepti – a sedersi a un tavolo per lavorare, ad esempio, alla composizione di una eventuale lista, così come accaduto nel lontano 2014. Un malumore nient’affatto celato e che il già sindaco di Ischia e Casamicciola ha manifestato ad una serie di persone a lui vicine oltre che ad alcuni addetti ai lavori in maniera chiara, senza peli sulla lingua e mettendo al bando la diplomazia.

Insomma, un primo disegno di quella che potrà essere la “mappa” delle prossime elezioni amministrative comincia a prendere vita. Ma in politica, che ve lo diciamo a fare, tutto è in continuo mutamento. E dunque, nessuno si meraviglierebbe dinanzi a possibili ribaltoni. E’ il gioco della politica, e piaccia o no è così che funziona.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close