LE OPINIONI

MARIA GRAZIA DI SCALA (consigliere regionale) «All’isola serve una rivoluzione dei trasporti»

«I problemi di Ischia si palesano ancor prima di sbarcare sull’isola” – sostiene Maria Grazia Di Scala, nostra rappresentante in Regione che non ha mai mancato di sottolineare quanto ci sia da migliorare nel settore dei trasporti, marittimi e terrestri. Il degrado è già percepibile dai gabbiotti di Molo Beverello e la situazione non migliora a bordo delle imbarcazioni che uniscono la terraferma alle isole, vere e proprie bagnarole del mare non degne della bellezza della nostra isola. Imbarcazioni non ideonee che inoltre spillano prezzi altissimi agli ospiti che scelgono di soggiornare a Ischia, Procida e Capri. Una volta giunti sull’isola la situazione non migliora. Auto a perdita d’occhio, traffico impazzito, una fiumana di lamiere e una schiera di taxi disordinati disposti alla meglio non danno di certo il benvenuto che meritano i nostri ospiti. Dov’è il verde, i fiori, e la vegetazione per cui Ischia è rinomata? Custodita solo nelle oasi di tranquillità che ancora fortunatamente preserviamo, ma lungo gli arenili il caos regna sovrano. Manca un piano per il decoro urbano dell’isola, la sua assenza è una vera piaga. L’unico modo per risolvere questi atavici problemi – sostiene Maria Grazia Di Scala – è intraprendere una rotta precisa e ben definita e lo si può fare soltanto con l’istituzione del Comune Unico. Solo con una guida unica potremmo proporre e ottenere che l’isola diventi sempre più pulita, con meno traffico e orientata verso una svolta rispettosa dell’ambiente, della tranquillità e del buon vivere. Finchè non avremmo concordanza di intenti l’isola sarà costretta ancora ad affidarsi al low-cost per sopravvivere, con l’adozione di tariffe bassissime che sviliscono il turismo di qualità.  A questo proposito il mio plauso va a quegli imprenditori resistono, come Carriero, De Siano e la famiglia Sciò del Mezzatorre che offrono ancora un turismo di qualità e di eccellenza».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close