CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

M’illumino di meno, occhi puntati al Castello Aragonese

Il Castello Aragonese d’Ischia aderisce, oggi,  venerdì 1 marzo, all’edizione 2019 di “M’illumino di meno”. “M’illumino di meno” è la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata nel 2005 da Caterpillar Radio2 e Rai Radio2 per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Un’iniziativa simbolica e concreta che fa del bene al pianeta e ai suoi abitanti. Si spengono sempre le piazze italiane, i monumenti – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona – i palazzi simbolo d’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini. Si sono spenti per “M’illumino di meno” la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso. Occhi puntati, dunque, al Castello Aragonese che si fa portavoce di un messaggio davvero importante per la salvaguardia dell’ambiente. Dopo il progetto “Finestre Sospese nelle notti d’inverno”, realizzato con la collaborazione del Comune di Ischia e del light designer Davide Scognamiglio, fotografatissimo in tutto il periodo di Natale, il Castello torna a far parlare di sé con questa iniziativa. Nato da un disegno acquerellato di fine Ottocento e di autore anonimo dal titolo “Le cento finestre del Castello” il buio ha avvolto il Castello e le sue finestre illuminate, galleggiando nel vuoto, hanno suggerito architetture e vite di oggi e di ieri. La complicità dell’oscurità del Ponte ha accompagnato  lo spettatore in questo breve viaggio dove il mare, il cielo e le stelle sono divenuti,  di nuovo, cornice indisturbata del Castello di sempre.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close