Nino Di Costanzo tra i migliori al mondo per “Grandes Table du Monde” Il riconoscimento il 9 ottobre scorso durante una cerimonia esclusiva in Marocco, emozionato il nostro chef da 2 stelle Michelin

<span class="entry-title-primary">Nino Di Costanzo tra i migliori al mondo per “Grandes Table du Monde”</span> <span class="entry-subtitle">Il riconoscimento il 9 ottobre scorso durante una cerimonia esclusiva in Marocco, emozionato il nostro chef da 2 stelle Michelin</span>

di Isabella Puca

Ischia – Lo chef Nino Di Costanzo, due stelle Michelin per il suo ristorante ischitano Danì Maison, è stato nominato, per la sua cucina, tra i migliori del mondo. E’ questa la notizia che trasmettiamo con immenso orgoglio, un ischitano che si fa onore con il suo lavoro diventando, ancora una volta, ambasciatore di Ischia e della buona tavola, nel mondo. La prestigiosa cerimonia, lo scorso 9 ottobre in Marocco, che lo ha visto elegantissimo nel suo smoking accompagnato dalla sua Marianna. “Grandes Table du Monde” è questo il nome della prestigiosa guida che raccoglie le migliori cucine e le migliori accoglienze del mondo da più di 60 anni. 174 i ristoranti riuniti da 25 paesi attorno a un nucleo di valori condivisi e severi criteri di ammissione che riflettono la loro esclusività: l’eccellenza senza compromessi in termini di cucina e l’eccezionale senso di ospitalità. I ristoranti nominati dalla guida “Les Grandes Tables du Monde” come i migliori ristoranti del mondo, regalano infatti la migliore accoglienza, deliziano i propri commensali e offrono esperienze indimenticabili, e quella che Di Costanzo offre nel suo Danì Maison, piccolo angolo di paradiso in quel di Montetignunso, è senza dubbio una di queste. «Ogni riconoscimento – dichiara lo chef al suo rientro in Italia – è per noi una responsabilità, far parte di un sistema così importante è un obiettivo che nella vita di chi fa questo lavoro è un’ambizione. Entrare a far parte di questa guida significa condividere regole importanti, come valorizzare la materia prima, il lavoro di contadini, pescatori, è puntare alla qualità degli ingredienti. Trovarsi a far parte delle tavole più importanti al mondo è qualcosa di difficile da spiegare a parole, entri nella storia della  gastronomia mondiale, passata e futura qualcosa di veramente unico. Ischia ancora una volta può dire la sua gastronomicamente e mi fa enormemente piacere. Tifo per lo scoglio e sono sempre più orgoglioso di farne parte e, con sacrifici enormi, di portare risultati importanti». Solo l’anno scorso lo chef Di Costanzo fu nominato 42° tra i migliori 300 chef al mondo, il 7° tra gli italiani; un importante traguardo raggiunto grazie a un punteggio assegnatogli dagli chef del mondo chiamati a votare la classifica. Ideata in Polonia nel 2016, e presentata con una cerimonia a Varsavia, obiettivo della neonata classifica internazionale quello di premiare i migliori cuochi del mondo in termini di cucina artistica e presentazione visiva, qualità che il nostro chef ha da vendere. Qualche giorno fa la Guida de L’Espresso ha confermato i 3 cappelli una notizia che, già lo scorso anno, fu accolta con grande umiltà dal nostro chef. Insomma un successo tira l’altro per il nostro concittadino che non perde mai di vista l’obiettivo principale: lavorare nella sua cucina con passione e impegno, per sé, ma soprattutto per l’isola. Sta per concludersi la terza stagione del Danì Maison, che ha visto ai tavoli del suo ristorante diverse importanti personalità giunte a Ischia solo per lui, ed è tempo di viaggiare per il mondo con la sua cucina. Si comincia domenica a Milano per un evento targato Dom Perignon, poi si vola a Como e ancora negli Stati Uniti. Si ritorna a Ischia  in primavera, con un nuovo menù per sorprendere ischitani e turisti che scelgono di vivere un’esperienza stellata unica nel suo ristorante.

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment