Primiera Emocion, il successo della quarta edizione La kermesse ha registrato la presenza di partecipanti provenienti da tutta Italia

<span class="entry-title-primary">Primiera Emocion, il successo della quarta edizione</span> <span class="entry-subtitle">La kermesse ha registrato la presenza di partecipanti provenienti da tutta Italia</span>

di Isabella Puca|

Ischia – Si è conclusa domenica la quarta edizione di Primera Emocion la kermesse ischitana dedicata agli appassionati del fumo lento. Quella di quest’anno è stata un tre giorni ricca di emozioni vissute sulle sensazioni del “bello” , una kermesse costruita su quattro appuntamenti diversi fra loro ma uniti da un unico filo conduttore: vivere con gusto e ricercatezza il proprio tempo. «Primera Emocion – ci racconta Federico Valentino – nasce dall’idea di costruire sull’isola d’Ischia un appuntamento legato al mondo dei “puros” cubani inserendola in un contesto ben più ampio ed internazionale in cui gli appassionati di tutto il mondo si danno incontro.  É ormai un momento “cult” per quanti amano questo mondo, l’eleganza del fumo lento, divenendo una delle icone di cui si parla». Nata da un’idea di Federico Valentino e  dal patrocinio di Diadema spa, unico distributore in Italia dei sigari cubani, Primera Emocion ha la capacità di arrestare il tempo, proiettandolo sulla nostra Isola, per quanti sono attenti all’evoluzione e alle novità di questo fascinoso ambiente. 5«Già nel suo stato embrionale, quando ancora questo format non esisteva, Tommaso Mascolo e io – ci dice ancora Federico – riuscimmo a organizzare un evento, nel giugno del 2010, in cui presentammo e lanciammo sul mercato Italiano i Cohiba Behike, i più attesi e costosi sigari, fra le edizioni non limitate, dell’intera offerta cubana». L’apertura di questa quarta edizione è avvenuta sulla panoramica terrazza dell’Hotel Don Felipe, con il Castello Aragonese che padroneggiava su uno scenario idilliaco proiettando la mente degli ospiti verso pensieri d’altri tempi, «si è iniziato con una degustazione di un sigaro vintage del 1997 abbinato al Ron Havana Club “Seleccion de Maetros” primo partner in scena dell’evento. Il giorno dopo, con appuntamento nell’elegantissimo Ristorante Indaco dell’Albergo della Regina Isabella, insieme a venticinque selezionatissimi appassionati ci siamo  incontrati per una degustazione tecnica guidata da Luca Alves, responsabile del Consorzio Vino Chianti che, insieme a Diadema, indiscussa madrina dell’evento, è stato il nostro importantissimo partner. Sui nostri lidi è approdata  la magia vitivinicola della Toscana, abbiamo assaggiato cinque tipi differenti di prodotti esaminandone le peculiarità raffinate ed inaspettate. La degustazione si è chiusa in compagnia di un altro puros all’ombra del porticato fiorito del Regina Isabella». 10L’evento è continuato alle 20:00 dello stesso sabato con una cena di Gala proposta dallo chef stellato Pasquale Palamaro e impreziosita da un servizio a cinque stelle. «Su un ottimo “vin santo”, altro nettare toscano fra i vini proposti per la cena sempre dal Consorzio Vino Chianti, – ha continuato il patron dell’evento –  il Vice-Presidente di Diadema ha acceso i riflettori sul momento topico su cui tutto l’evento è stato costruito: la presentazione in anteprima nazionale della prima edizione limitada dell’anno Habanos, l’H.Upmann Magnum 56; manufatto dalle peculiarità uniche la cui uscita era attesa da tutti gli appassionati italiani  e non solo». Ischia, come ogni anno da quattro ormai, è riuscita a catalizzare l’attenzione su di sè, con echi nazionali ed internazionali, anche su questo aspetto della cultura e del concetto del lusso. Un altro magico e significativo incontro ha concluso, domenica, la kermesse con una visita all’Azienda Vinicola Casa D’Ambra, importante espressione della nostra terra. «Un excursus sulle tecniche di lavorazione e vinificazione, – ha concluso Federico – fra due modi d’eccezione di interpretare il magico mondo del vino, quello del Chianti e quello di Andrea D’Ambra, ha suggellato una manifestazione dalle sfumature evocative impresse nell’amore per il bello ed incorniciate fra dettagli di eleganza. Si potrebbe concludere con un “… e vissero tutti felici e contenti”… ma… a noi è solo un arrivederci al prossimo anno. Ad maiora».1

If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment