POLITICA

Procida, Cascone spara su Ambrosino: risponda sul caso fotocopie

DI MARIANO CASCONE

Non avendo argomenti seri per rispondere nel merito alle giuste domande poste da Mimì Menico Scala con la sua interrogazione sull’affidamento diretto a Rossi (noto sostenitore della lista La Procida che Vorrei) per 5.000,00€ annui x 5 anni per il servizio fotocopie, il Sindaco, in evidente difficoltà e con molto nervosismo ed imbarazzo, risponde sviando l’attenzione su argomenti che non hanno nulla a che vedere con la domanda posta. Ovviamente non entra nel merito e non dice una parola sul perché sia stato scelto proprio Rossi e non, ad esempio, Biagio Lombardooppure Francesco Lubrano Di Figolo che pure hanno i requisiti per svolgere questo servizio. Correttezza e trasparenza avrebbe voluto che almeno si fosse chiesto un preventivo a tutte e 3 le ditte (più altre che in questo momento mi sfuggono) e affidare il lavoro a quella più economica. Non si è voluto fare perché è evidente che si doveva “premiare” la ditta amica per i meriti acquisiti in campagna elettorale. Ricordo come se fosse ieri i continui interventi su fb di Rossi in piena campagna elettorale, anche sulla mia bacheca, a sostegno e difesa della lista del Sindaco. E ora ha visto premiato il suo impegno, a scapito di tutti gli imprenditori non schierati politicamente. Cittadini di serie A e di serie B, proprio quello che questo Sindaco diceva che non ci sarebbe più stato se avesse vinto lui. Una cosa vergognosa. L’ultima di una lunga serie, se si guardano i lavori affidati senza alcun appalto e concorrenza per la sagra del mare sempre ad amici e sostenitori della loro campagna elettorale. Cambiali elettorali pagate con i soldi dei contribuenti, di destra e sinistra, compresi quelli che li hanno votati credendo che con loro non ci sarebbero più stati figli e figliastri. Peggio della più vecchia politica clientelare della prima repubblica. Sono indignato, specie se ricordo tutte le schifezze che ci dicevano a noi (specie al sottoscritto anche se mai ho amministrato) durante la campagna elettorale. Questa storia non finisce qui, statene certi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close