Riqualificazione Piazza degli Eroi, dal Consiglio di Stato mazzata per il Comune

Riqualificazione Piazza degli Eroi, dal Consiglio di Stato mazzata per il Comune

La vicenda, all’epoca, fece scalpore. E non solo dal punto di vista politico, ma anche se non soprattutto per quelli che furono i contrasti “malcelati” tra l’attuale sindaco d’Ischia, Enzo Ferrandino, ed il suo predecessore, l’omonimo Giosi. Tutta colpa di quel progetto e di quei lavori appaltati per il restyling di Piazza degli Eroi mai effettuati, che avevano portato la ditta che si era aggiudicata le opere a rivolgersi alla magistratura. E dal Tar era arrivata una mazzata pesante per il Comune di Ischia, che si vide condannato ad un risarcimento pari a circa cinquantamila euro, spicciolo più spicciolo meno. Una sentenza dinanzi alla quale l’ente di via Iasolino si appellò ricorrendo al Consiglio di Stato. Adesso, però, anche l’ultimo grado di giudizio conferma le ragioni dell’azienda ricorrente, il Consorzio Stabile Egeco S.C.A.R.L., rappresentato dagli avvocati Antonio Ausiello e Massimo Caiano. Di fatto il collegio “definitivamente pronunciando sugli appelli, come in epigrafe proposti, accoglie parzialmente l ‘appello principale e l’appello incidentale ed, in parziale riforma della sentenza impugnata, accoglie la domanda risarcitoria nei termini di cui in motivazione”.

Parzialmente, avete capito bene. Perché se da una parte le motivazioni dei ricorrenti non hanno trovato accoglimento, le cose sono andate in maniera decisamente diversa per quanto riguarda la parte legata al cosiddetto “quantum debeatur”

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE IN EDICOLA

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment