Sisma, Grilamdi e la proroga: «Non so nulla, non detto io i tempi»

Sisma, Grilamdi e la proroga: «Non so nulla, non detto io i tempi»

ISCHIA. “Non so ancora niente. Non conosco i tempi che, ovviamente, non detto io”. Il commissario per l’emergenza Giuseppe Grimaldi non sa nulla relativamente alla possibile proroga dello stato di emergenza decretato all’indomani del terremoto del 21 agosto 2017. “Lo stato di emergenza – continua Grimaldi – ad oggi termina il 21 febbraio ad un anno e mezzo dal sima del 21 agosto 2017. Al momento davvero non si sa nulla. So solo che il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha proposto la proroga di ulteriori sei mesi dello stato di emergenza”. Le considerazioni dell’attuale commissario Grimaldi hanno portato al Governatore la richiesta di proroga. “Nella mia relazione – continua l’architetto – sostengo che siano necessari altri sei mesi. Ma sarà il Governo ed il Dipartimento di Protezione Civile a prendere la decisione finale”. E conclude Grimaldi: “In questi mesi ho sentito il sostegno della gente e delle Istituzioni. Basti pensare che i sindaci di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio hanno chiesto al Dipartimento della Protezione Civile ed al presidente della Giunta della Regione Campania Vincenzo De Luca di chiedere un’ulteriore proroga dello stato di emergenza. Stessa richiesta che è pervenuta anche attraverso una petizione popolare che ha superato le quattro mila firme”. Entro una settimana si saprà se lo stato di emergenza sarà prorogato. Sarà il Consiglio dei Ministri presieduto dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a decretare l’eventuale proroga. In ogni caso, proroga o non proroga niente cambia per gli sfollati e per ricostruzione: sarà Carlo Schilardi, commissario strordinario per la ricostruzione a coordinare anche l’assistenza alle persone con l’erogazione del Cas – contributo autonoma sistemazione – e l’alloggio negli alberghi. In pratica tutto resta com’è. Anche senza la proroga.

Francesca Pagano

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment