<span class="entry-title-primary">Sotto Tiro – La faida e la caduta di stile</span> <span class="entry-subtitle">di Mizar</span>

Sotto Tiro - La faida e la caduta di stile di Mizar - opinionista

E’ iniziata la faida? Prima delle elezioni ho scritto della necessitĂ , per il bene dei cittadini, che bisogna evitare, dopo le elezioni, una faida tra vincitori e sconfitti. La crisi del Comune non si può permettere una cosa del genere. La premessa, per una pacificazione, avrebbe dovuto essere l’appartenenza di Enzo e Gianluca al Partito Democratico. In questa confusa e tragica situazione politica italiana essersi divisi poteva aver significato tante cose. Buone e meno buone. Stavo per scrivere un articolo di elogio per Giosi essendo la vittoria di Enzo dovuta in massima parte al sindaco uscente. Tutto l’armamentario clientelare messo in atto nell’ultimo anno per vincere le elezioni è di chiara impronta politica sua.

Osservando mi ero reso conto che lo psicologo, sociologo, assemblatore di opportunitĂ , politico, che aveva cucito di misura il cappotto agli ischitani, era Giosi. Unico neo, non essere riuscito a far eleggere suo cugino De Luise. Adesso apprendiamo del manifesto e dell’irrisione degli sconfitti. Mai verificatesi una cosa del genere in cinquanta anni di storia amministrativa di Ischia. E’ successo una solo volta a Casamicciola quando i seguaci di GB andarono a festeggiare sotto casa di Arnaldo. Lo stile è lo stesso.

Ma a cosa tende l’azione di Giosi? Togliersi un sfizio o ha intenzione di avviare la faida nel Comune? Se crede che gli abbattuti sul manifesto siano degli osservanti cattolici che perdonano dando l’altra guancia credo che si sia sbagliato  di grosso. Dunque avvia giĂ  dal primo momento l’abbattimento di Enzo? Pochi mesi e nuove elezioni con lui candidato sindaco? Spero che siano in molti a non cadere nella trappola.

Giosi contava sui sciarappa boys,su Trofa e Maurizio De Luise per farsi nominare assessore ai lavori pubblici. Conoscendo Abramo De Siano perchè ha proposto il ricorso alla figlia? Conti sbagliati? Abramo lui lo conosce bene. Vorrei ricordare a Giosi che quando ha avuto la disavventura di Poggioreale nessuno, o solo pochi sprovveduti, hanno brindato alle sue sciagure.

La caduta di stile di questo manifesto non la capisco. Capisco invece che Enzo deve rivolgere un appello alla minoranza del Consiglio comunale. Deve dire: evitate di farmi politicamente ricattare. Se ho bisogno di voti per non subire pressioni contro il paese dovete voi venirmi incontro istituzionalmente. Vero Enzo che lo farai? Un’altra cosa. Dopo il manifesto non vorrei che la voce ricorrente nel paese, durante le elezioni, che Enzo,per le umiliazioni subite prima di essere scelto come candidato, non avrebbe fatto neanche salire sul Comune l’ormai ex primo cittadino, si tramutasse in realtĂ . Sono veramente dispiaciuto da come si stanno avviando le cose. Ischia ha dato una svolta al paese? Dimostriamolo con i fatti.

Commenti