Trotta, il patteggiamento slitta ancora

Trotta, il patteggiamento slitta ancora

ISCHIA. Ieri mattina il pubblico ministero ha prodotto i documenti richiesti dal collegio giudicante nell’ambito del processo all’ex colonnello dei vigili urbani di Procida, Giuseppe Trotta. L’ex ufficiale, principale imputato dell’inchiesta “Final Berth” deflagrata sull’isola due anni e mezzo fa, sin dalle prime battute aveva visto stralciata la propria posizione rispetto agli altri venti imputati. Nel frattempo era stata inoltrata istanza di riunione, ma la difesa dell’ex responsabile della polizia municipale aveva chiesto il patteggiamento. Tuttavia nell’udienza di un mese fa il collegio presieduto dal giudice Pellecchia aveva rilevato alcune anomalie: alcuni dei capi d’accusa risultano prescritti, ma i relativi atti non erano stati finora trasmessi dal pubblico ministero che gestiva il fascicolo relativo a Trotta. Il collegio b della prima sezione non era quindi a conoscenza di quali fossero le imputazioni già prescritte. Ieri la documentazione del fascicolo del pubblico ministero è stata consegnata, comprensiva dell’intervenuta sentenza di dichiarazione della prescrizione per alcuni capi d’accusa nei confronti di Trotta. Ora il collegio studierà il fascicolo, e ha quindi rinviato le parti alla nuova udienza, tra una settimana. Al colonnello Trotta, che ha chiesto il patteggiamento, vennero contestati plurimi episodi di falso in atto pubblico, oltre che di calunnia, peculato e corruzione, nell’ambito della gestione della polizia municipale dell’isola di Procida.

0saves
If you enjoyed this post, please consider leaving a comment or subscribing to the RSS feed to have future articles delivered to your feed reader.

Share This Post

Post Comment