CULTURA & SOCIETA'GALLERIA

A Villa Arbusto l’omaggio a Luchino Visconti

L’evento promosso e organizzato da Scabec, intanto la Regione Campania si dice pronta a porre in essere un’attività di valorizzazione della Colombaia, che fu dimora del grande regista

«La Regione Campania è già impegnata nel recupero della Colombaia. L’obiettivo del presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca è quello di riaprire e valorizzare quella che un tempo fu la splendida dimora isolana del regista Luchino Visconti». Questo l’annuncio di Antonio Bottiglieri, presidente SCABEC, nel corso della terza edizione dell’“Omaggio a Luchino Visconti”: un’occasione per sottolineare il rapporto tra Visconti e l’isola d’Ischia e per puntare i riflettori sul maestro del cinema neorealista patrocinata dalla presidenza del Parlamento europeo, da quella del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale. La manifestazione è stata realizzata in collaborazione con Scabec spa, Centro sperimentale di Cinematografia/ Scuola nazionale del Cinema, Accademia della Moda, Fondazione Cultura & Innova2ionc, Guang Hua Cultures & Media Corporation, Marevivo, Unipegaso. L’annuncio del presidente di Scabec Spa, la società in house della Regione Campania per la valorizzazione e promozione dei beni culturali regionali, è stato accolto con entusiasmo dalla platea «La Regione Campania è pronta a porre in essere un’attività di valorizzazione della Colombaia, situata a Forio, che è stata la dimora di Visconti. E noi siamo pronti. La Colombaia non può e non deve restare ancora nelle condizioni attuali».

La villa ottocentesca a picco sul mare, fu realizzata dall’architetto Giorgio Pes che ridisegnò gli ambienti assecondando il gusto liberty del regista e si contraddistingue per l’asimmetria degli spazi, la policromia, e la nettezza delle linee, versa oggi in condizioni di totale abbandono. Nell’anfiteatro il regista faceva le prove di lirica con Maria Callas e quelle di set con attori del calibro di Helmut Berger, Alain Delon, Claudia Cardinale oggi è chiusa e necessita di un attento recupero. Madrina della “Omaggio a Luchino Visconti – I Premi” a Villa Arbusto è Laura Ferrare. I premiati, che hanno ricevuto l’opera realizzata dal maestro Domenico Sepe, sono Slobodanka Ciric scrittrice, Anna Novikova scrittrice (il premio è stato ritirato da Piero Graus), Alberto Luca Recchi, scrittore esploratore, giornalista, fotografo subacqueo italiano, Arnaldo Delchayc regista, Daniele Nannuzzi regista, direttore della fotografia e scenografo. Ad allietare la serata, i contributi artistici di Rosario Di Meglio e Gabriella De Pierro e gli ospiti l’attore Gino Riveccio, la presidente di Marevivo Rosalba Giugni, Daniele Nannuzzi, presidente dell’Associazione nazionale Autori del Cinema, lo storico dell’Architettura Alessandro Castagnaro del DIARC di Napoli, l’ex parlamentare europeo ed ex sindaco di Forio, Franco lacono, ovvero la mente che portò – dopo tante battaglie anche legali contro gli redi Visconti e contro i privati – all’acquisizione della Colombaia al patrimonio pubblico, cosi come avrebbe voluto Visconti dopo la sua morte, in onore alla memoria del suo grande amore per l’isola d’Ischia e l’Ammiraglio Pietro Vella, direttore Marittimo della Campania e Comandante della Capitaneria di Porto di Napoli. «Omaggiare Visconti – ha detto Massimo Zivelli a conclusione della serata – è un dovere di tutti gli amanti del cinema, ma anche del teatro e farlo in isola come Ischia diventa un piacere da non lasciarsi sfuggire». 

Foto Franco Trani

Ads

Articoli Correlati

Un commento

  1. Ho consacrato la mia vita alla ricerca teatrale, considero Ischia la mia seconda casa e ho avuto l’immensa fortuna di potermi sposare presso la Colombaia, con la cerimonia più intima e toccante che potessi sognare!!!
    Mi auguro con tutto il cuore che il desiderio del Maestro Visconti sia realizzato e che la Villa torni a risplendere del suo antico splendore, restando patrimonio dell’arte e dell’umanità!

Rispondi

Back to top button