ARCHIVIO 4

Addio all’attrice Elsa Martinelli, era un’ habitué di Lacco Ameno

ISCHIA – È morta Elsa Martinelli, attrice romana, habituè di Lacco Ameno fin dai tempi di Angelo Rizzoli. Elegantissima e raffinata, era una signora dei salotti. Malata ormai da tempo è deceduta, all’età di 82 anni, nella sua casa romana. Di origini umili fu notata in una boutique dallo stilista Roberto Cappucci che la volle sulle passerelle. Kirk Douglas la vide sulla copertina di Life e la volle per il film  “Il cacciatore di indiani”. Era il 1955, la Martinelli aveva solo 20 anni e conquistò Hollywood. Tra i film in cui compare come progatonista “Costa Azzurra” di Vittorio Sala (1959) e “Un amore a Roma” di Dino Risi (1960), “Hatari!” di Howard Hawks (1962) e ancora “Il processo di Orson Welles” (1962), “La decima vittima di Elio Petri” (1965) e  “Sette volte donna” di Vittorio De Sica (1967). La Marinelli frequentò l’isola dei tempi d’oro, alcune immagini la fermano del tempo mentre scende le scale dell’hotel Reginella di Lacco Ameno in compagnia di Franco Mancinelli, altre mentre posa a Sant’Angelo con indosso una delle creazioni della stilista tedesca Elena Wassermann. Qualche anno fa fu, invece, ospite insieme con Marta Marzotto di una edizione del Premio Ischia. Su Facebook il ricordo del patron Benedetto Valentino, «fu una donna di grande classe, inimitabile». «Con Elsa Martinelli – aggiunge Rita Agostino – scompare un’altra icona dell’elegante femminilità italiana, vissuta con intelligenza e tanto buon gusto, qualità quasi completamente scomparse. Riposa in pace, raffinatissima signora».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button