CRONACAPRIMO PIANO

Affittanze abusive, piaga “infinita”: l’Arma denuncia altri cinque isolani

Nuova operazione dei carabinieri, controllati complessivamente 30 appartamenti e 77 persone: una 79enne aveva trasformato un edificio in una struttura di sei stanze completamente abusive

A questo punto non resta che sperare in una sola cosa: che in questi pochissimi giorni che ci separano alla fine di agosto, i controlli delle forze dell’ordine possano essere quanto più ficcanti, continui e costanti possibili.

Con l’intento di smascherare quante più persone continuano a non avere scrupoli nel consentire a certi personaggi impresentabili di mettere piede sulla nostra isola e di trascorrervi un periodo di vacanza (ahinoi, anche lungo) alloggiando comodamente in qualche appartamento fittato senza scrupolo alcuno per incassare un po’ di soldi facili e molto spesso pure a nero. La dead line è il 31 agosto, poi tutte le case concesse in fitto ai “signori” provenienti dalla terraferma torneranno nella disponibilità dei proprietari. I controlli contro il triste e diffuso fenomeno delle affittanze abusive – che nemmeno le operazioni condotte dalle forze dell’ordine negli ultimi anni sono riusciti ad arrestare, anche se va riconosciuto che l’hanno notevolmente arginato – hanno dunque altri tre o quattro giorni, e speriamo che quanti più “pesciolini” possano cadere nella rete così da togliersi questo pessimo vizio.

Nel frattempo l’attività di contrasto da parte dei carabinieri della Compagnia di Ischia con l’ausilio dei militari dislocati nelle varie Stazioni presenti sul territorio, prosegue senza sosta. Nell’ambito di un servizio coordinato i militari dell’Arma, guidati dal capitano Angelo Pio Mitrione, una anziana donna di 79 anni (incensurata) è stata denunciata in stato di libertà all’autorità giudiziaria per aver locato ad uso turistico sei stanze di un edificio che era stato adibito a struttura ricettiva abusiva. Un immobile che di fatto funzionava come un vero e proprio bed & breakfast, con il dettaglio – evidentemente tutt’altro che trascurabile – di non essere in possesso delle necessarie autorizzazione ed essere pure sconosciuto al fisco. Alla magistratura sono state poi segnalate anche altre due persone: si tratta di due donne foriane di 72 e 63 anni che avevano affittato senza autorizzazione e comunicazione all’autorità di pubblica sicurezza il proprio appartamento a turisti. Stessa sorte per un 49enne di Ischia ed un 55enne di Lacco Ameno, che porta così a cinque il totale delle persone complessivamente deferite. Durante il servizio gli uomini del cap. Mitrione hanno controllato complessivamente 30 appartamenti e 77 ospiti.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Cioè questa a 79 anni riusciva a mandare avanti un’attività di 6 camere ? Un caso da far studiare ad un gruppo di luminari della medicina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close