CRONACAPRIMO PIANO

Aggredisce l’ex con un bastone, napoletano arrestato dalla Polizia

L’uomo, originario di Secondigliano, ha percosso l’ex compagna sottraendole il cellulare. Il 34enne è stato tradotto a Poggioreale in attesa della convalida, con l’accusa di rapina, maltrattamenti e lesioni. Sette giorni di prognosi per la donna

Nuovo caso di violenza in famiglia ieri sull’isola d’Ischia. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Ischia, agli ordini del dottor Alberto Mannelli, ieri pomeriggio sono intervenuti a Lacco Ameno dove hanno arrestato un uomo di 34 anni, Alberto Guarino, originario di Secondigliano, con le pesanti accuse di rapina, maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate.

La vittima dell’episodio è l’ex compagna del 34enne. Quest’ultimo, tossicodipendente, aveva incontrato la donna chiedendole poi di poter visionare il cellulare. Il rifiuto della ragazza ha innescato la cieca e furibonda violenza del napoletano che ha colpito l’ex fidanzata al volto. La drammatica sequenza era però lontana dal concludersi: mentre la ragazza si dirigeva verso la propria auto per sfuggire alla violenza, l’uomo l’ha inseguita aggredendola addirittura con un bastone di legno, per poi strapparle di mano il telefono, impossessandosene.

È stato un amico della vittima ad allertare la Polizia, tramite una concitata telefonata in cui veniva invocato l’arrivo delle forze dell’ordine perché l’uomo stava percuotendo pesantemente la donna. Gli agenti sono prontamente intervenuti. I poliziotti si sono recati nell’abitazione dell’uomo, che è stato arrestato. Qui le forze dell’ordine hanno rinvenuto il cellulare della vittima e proceduto al sequestro del bastone con cui aveva minacciato l’ex compagna. L’uomo è stato poi tradotto nel carcere di Poggioreale, in attesa della convalida d’arresto.

La ragazza è stata portata all’ospedale, dove i medici hanno emesso una prognosi di sette giorni per la guarigione delle contusioni riportate sotto i colpi dell’arrestato.  Fra l’altro, non era la prima volta che la donna è stata bersaglio della violenza da parte dell’ex: infatti già altre due volte si erano verificate aggressioni dell’uomo nei suoi confronti, ormai recidivo. Esplosioni di collera e gelosia sfociate in percosse. Il fenomeno della violenza verso il partner o verso l’ex compagna, come in questo caso, da tempo vive una fase di recrudescenza, che spesso finisce anche in tragedia, come dimostra la cronaca locale, ma anche e soprattutto quella nazionale, cosa che ha posto il problema all’attenzione della politica. Sono frequenti i casi in cui i provvedimenti presi nei confronti degli aggressori, come il divieto di avvicinamento, non sono affatto sufficienti per evitare nuove violenze, che vedono nella stragrande maggioranza dei casi le donne come vittime.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close