CRONACA

Aicom, Laraspata: «Urge vademecum unico per la riapertura delle attività isolane»

Il presidente dell’associazione commercianti scrive una nota ai sindaci chiedendo linee guida univoche e concordate, ma sottolinea anche le difficoltà d’applicazione delle disposizioni statali e regionali

La Fase 2 si avvia lentamente nel segno dell’incertezza e della voglia di chiarezza. Il presidente dell’Aicom, Marco Laraspata, ha inviato una nota a tutti i sindaci dell’isola per esporre le necessità e le istanze del mondo del commercio isolano: «In qualità di presidente dell’Aicom – scrive Laraspata – devo trasferirvi le seguenti indicazioni che provengono dal tessuto imprenditoriale dell’isola. Alla luce della nuova ordinanza regionale che ci porta alla fase 2, con le consegne a domicilio necessitiamo di una linea guida (vademecum) univoca (magari concertata tra tutti) emessa da un solo Comune a nome di tutti per aiutare tutte le aziende che operano nel food a capire  e conoscere gli obblighi amministrativi  per poter effettuare le consegne suindicate».

Il documento prosegue esprimendo un’altra necessità: «Parallelamente ci occorre conoscere con dettaglio le disposizioni del protocollo sanitario applicate sul nostro territorio (magari prendendo contatto con il dottor Carraturo dell’Asl Napoli 2 Nord) per questo tipo di  attività e servizio di ristorazione. Nello specifico ci chiedono  anche  idoneità mezzi di trasporto, possibilità di consegne fuori comune, rilevazione temperature su merce consegnata etc». Laraspata cogli anche l’occasione per informare i primi cittadini del fatto «che alla luce delle stringenti disposizioni sanitarie legate al protocollo covid-19 la maggior parte della ristorazione dell’isola d’Ischia non ha intenzione di aprire il proprio locale in quanto le disposizioni sia regionali che statali sono verosimilmente inattuabili sia sotto il profilo economico che logistico, per cui la correlazione ricavi /costi e’  notevolmente sfavorevole. Quindi vi chiedo gentilmente di riunirvi e organizzare tramite i vostri uffici Suap  il tutto. Ho già incontrato i referenti della Polizia di Stato con cui ho condiviso il tutto, a breve incontrerò anche il Corpo dei Carabinieri per creare una sinergia globale». Insomma, se la chiusura è stata una fase difficile, la riapertura non sembra essere da meno, anzi, potrebbe essere molto più complicata.

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button