Statistiche
CRONACA

Al buio e invaso dalla sabbia, il Natale a Sant’Angelo non è mai arrivato

Nel borgo marinaresco i residenti lamentano il più completo abbandono

È vero, i fasti dell’estate sono lontani, non è quindi così scandaloso che un luogo poco frequentato dai turisti,ma anche dagli stessi ischitani, possa essere pervaso da una tranquillità quasi inverosimile se paragonata al vivace caos estivo. Ad ogni modo fa un certo effetto vedere uno dei borghi più belli del Mediterraneo inghiottito dall’oscurità nei giorni in cui si celebra il Santo Natale. A Sant’Angelo la luce non vince sul buio, semmai il contrario. C’è un’oscurità profonda che non meriterebbe nemmeno il più periferico dei comuni caratterizzati dall’isolamento, figuriamoci l’incantevole borgo di Sant’Angelo, perla del Mediterraneo, casa del sole e del relax, meta di un turismo invidiabile e raffinato.

Nella piazzetta tanto cara ai turisti raffinati le luminarie sono poche e riescono a malapena a squarciare il buio dilagante. Solo l’illuminazione proveniente dai locali e qualche lucina aggiunta dai residenti rischiara un po’ il buio profondo. Di notte buia, di giorno dall’aspetto semi abbandonato. La situazione non è delle migliori. A seguito del forte maltempo che ha imperversato su tutta l’isola anche Sant’Angelo ha subito un po’ di problemi causati dalla mareggiata e dal forte vento che non ha risparmiato il borgo dei pescatori.

Ma a ormai diversi giorni dall’apice del cattivo tempo, che ha toccato il suo massimo domenica scorsa, le strade del borgo marinaresco rimangono invase dalla sabbia, una circostanza che crea non pochi problemi ai numerosi residenti che vivono in zona. L’arrivo di una pala meccanica ha tolto quanto possibile ma le condizioni dell’istmo sono ancora tutt’altro che normalizzate. In più i residenti segnalano la rottura di un muretto forse dovuto proprio alla manovra azzardata di uno dei mezzi che ha provveduto – e non in maniera definitiva – a pulire la strada.

Insomma un po’ per il maltempo un po’ anche per una programmazione che sembra aver snobbato l’incantevole borgo, Sant’Angelo rimane ai margini dei festeggiamenti di questo Natale, con sommo dispiacere di chi ci vive e di chi vorrebbe vivere esperienze natalizie nel borgo caro a Neruda.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
pioli

bhe ogni tanto anche sant’angelo, assomiglia a serrara centro, buio e nullita’ totale

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x