ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Al Mennella prende il via la didattica Coding

Non si tratta di tradizionali corsi di informatica in cui si impara a usare gli oggetti digitali.  Il coding, il cui  termine inglese sta per “programmazione”, è un salto di qualità che introduce al pensiero computazionale, cioè alla capacità di realizzare un’idea o risolvere un problema facendo leva sulla creatività e sugli strumenti giusti.  Dunque concetti di base dell’informatica attraverso la programmazione (coding ), usando strumenti di facile utilizzo e che non richiedono un’abilità avanzata nell’uso del computer.
Ma perché sperimentare il coding?

Nel mondo odierno i computer sono dovunque e costituiscono un potente strumento di aiuto per le persone. Per essere culturalmente preparato a qualunque lavoro uno studente di adesso vorrà fare da grande è indispensabile quindi una comprensione dei concetti di base dell’informatica. Esattamente com’è accaduto in passato per la matematica, la fisica, la biologia e la chimica.

Il lato scientifico-culturale dell’informatica, definito anche pensiero computazionale, aiuta a sviluppare competenze logiche e capacità di risolvere problemi in modo creativo ed efficiente, qualità che sono importanti per tutti i futuri cittadini. Il modo più semplice e divertente di sviluppare il pensiero computazionale è attraverso la programmazione (coding) in un contesto di gioco.

Gli strumenti disponibili sono di elevata qualità didattica e scientifica, progettati e realizzati in modo da renderli utilizzabili in classe da parte di insegnanti di qualunque materia. Non è necessaria alcuna particolare abilità tecnica né

 alcuna preparazione scientifica. Il materiale didattico può essere fruito con successo da tutti i livelli di scuole.

Nel recente passato, un fattore chiave per lo sviluppo della moderna società industriale è stato l’inclusione di discipline quali la matematica, la fisica, la biologia e la chimica come materie obbligatorie nella scuola secondaria, con un’introduzione ad esse già dalla primaria.

Lo scopo non era quello di far diventare tutti gli studenti dei matematici, fisici, biologi o chimici. La società aveva riconosciuto la necessità che ogni cittadino conoscesse i concetti di base di queste scienze: non c’è tecnologia né una vera economia senza la matematica, non c’è ingegneria senza fisica e chimica, non c’è medicina senza biologia.

Questo continua ad esser vero anche oggi.

Ma adesso è necessaria la conoscenza dei concetti base di un’ulteriore materia scientifica autonoma: il linguaggio computazionale o informatica.

Nella società contemporanea, in cui la tecnologia dipende in misura fondamentale dall’informatica e la presenza dei calcolatori (computer) diventa pervasiva, avere familiarità con i concetti di base dell’informatica è un elemento indispensabile del processo di formazione delle persone.

Per essere adeguatamente preparato a qualunque lavoro uno studente di adesso vorrà fare da grande, è indispensabile una comprensione dei concetti di base dell’informatica. Esattamente com’è accaduto nel passato per la matematica, la fisica, la biologia e la chimica.

Il rilevante contributo culturale apportato dall’Informatica alla società contemporanea è definito in modo sintetico dall’espressione “pensiero computazionale ”, introdotta dalla scienziata informatica Jeannette Wing nel 2006.

I benefici del “linguaggio computazionale ” si estendono a tutte le professioni. Avvocati, insegnanti, dirigenti di azienda, psicologi, architetti, medici, funzionari di amministrazioni – solo per citare alcune professioni – ogni giorno devono affrontare problemi complessi; ipotizzare soluzioni che prevedono più fasi e la collaborazione con altri colleghi o collaboratori; formulare una descrizione chiara di cosa fare e quando farlo.

 

L’insegnamento del linguaggio computazionale nella scuola ha le seguenti specificità:

favorisce lo sviluppo della creatività – per la molteplicità di modi che offre per affrontare e risolvere un problema;

è costruttivo – la progettazione di algoritmi è un’attività ingegneristica che produce risultati visibili (anche se nel mondo virtuale);

aiuta a padroneggiare la complessità – imparare a risolvere problemi informatici aiuta a risolvere problemi complessi in altre aree;

sviluppa il ragionamento accurato e preciso – la scrittura di programmi che funzionano bene richiede l’esattezza in ogni dettaglio.

Nello specifico: i nostri indirizzi scolastici possono beneficiare del linguaggio computazionale indicando un metodo di lavoro ai discenti che dovranno affrontare problematiche di tipo tecnico-professionale, ma anche avvantaggiarsi del sistema per lo studio personale, acquisendo una forma mentis aperta alla risoluzione di problemi complessi attraverso la somma di algoritmi semplici.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close