Statistiche
CRONACA

«Alberghi aperti fino al 7 gennaio», la proposta di Presutti

Il promotore del Movimento ‘Dai una svolta alla nostra isola’ detta la ricetta per la destagionalizzazione dei flussi turistici

“L’isola deve vivere per tutto l’anno. Ormai non bastano più solo quattro mesi”. A dirlo Aldo Presutti, albergatore e promotore del movimento “Dai una svolta alla nostra isola” che propone il prolungamento della stagione turistica fino al 7 gennaio. “Credo che sia necessario – ha detto Presutti – che gli alberghi siano aperti fino a dopo le festività natalizie per dare un segnale concreto dell’avvio della destagionalizzazione. L’isola di Ischia deve vivere tutto l’anno e non possiamo pensare di poter lavorare solo per 4/5 mesi l’anno”.

La proposta di Presutti e del suo movimento civico parte da proposte concrete: “La destagionalizzazione non è un’attività che riguarda i prezzi e i singoli eventi. Basta giocare con i prezzi a ribasso dei posti letto, inserire qualche evento nuovo durante l’anno e il gioco è fatto. La destagionalizzazione turistica è un lavoro molto più complesso e, sia il ribasso di prezzi che la creazione di eventi, sono una piccola parte di questo lavoro. Soprattutto perché basare una strategia di marketing turistico solo sulla politica dei prezzi è sempre molto rischioso. Ma dobbiamo lavorare tutti insieme affinchè la nostra isola possa vivere tutto l’anno”. La destagionalizzazione turistica è una scelta economica che non dipende dal singolo albergo o comune, ma una scelta che va condivisa e affrontata dal pubblico e dal privato. “Per questo motivo – ha spiegato l’albergatore che ha scelto di tenere aperta la sua struttura, l’hotel Solemar, fino al 7 gennaio 2020 – è necessario mettere allo stesso tavolo il settore pubblico e il settore privato, per creare una destinazione turistica completa. Questo perché non basta la creazione di uno sporadico evento per far “piovere i turisti dal cielo”, c’è bisogno di una strategia e di investimenti per creare un progetto completo che porti un flusso più o meno costante al territorio”. In inverno, o comunque dopo la prima settimana di ottobre, spesso si ha l’impressione che Ischia chiuda. Ed allora “Non basta che due strutture ricettive decidano di restare aperte in bassa stagione o che le realtà culturali del territorio allunghino gli orari di apertura”, spiega ancora Presutti, “c’è bisogno di una offerta turistica ampia che sia capace realmente di attrarre turisti”. Enogastronomia, bellezze naturali, termalismo, sono questi i punti da cui partire per far vivere l’isola per tutto l’anno creando offerte turistiche che rispecchino i desideri e le aspettative dei diversi target che si spostano in bassa stagione. “Ovviamente tutto ciò che si programma deve essere pubblicizzato ed il web è il miglior modo per veicolare la nostra isola”, sostiene il promotore del movimento “Dai una svolta alla nostra isola” che pensa di intercettare i turisti che organizzano le loro vacanze da soli con l’aiuto di internet, soprattutto i turisti che si spostano in bassa stagione, magari per organizzare la gita di un weekend o per una breve vacanza.

“Ci vuole coraggio, lo ammetto”, rincara Presutti “molti albergatori non sanno che cosa fare. In tanti si chiedono se restare aperti o chiudere appena vanno via i primi turisti e rischiano di trovarsi sull’orlo di un “circolo vizioso” con stagioni sempre più brevi per la mancata convenienza all’apertura nei mesi invernali e che non permettono loro di diluire i costi fissi, ma anzi spingono verso l’incremento delle tariffe in alta stagione”. E così, ogni anno, a fine stagione gli imprenditori turistici si trovano ad un bivio: chiudere le proprie attività che hanno comunque dei costi fissi oppure aprire e rischiare che le entrate non coprano la somma dei costi fissi e di quelli aggiunti legati all’apertura. “Siamo noi – conclude l’albergatore – a dover risolvere questo dilemma: dobbiamo dar vita ad un ciclo virtuoso che faccia vivere la nostra isola anche in periodi che oggi sono considerati di bassa stagione. Ad Ischia abbiamo un mondo da far conoscere e il turismo è il mezzo più potente per farlo, durante tutto l’anno”.  

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x