ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Aldo Imer cittadino onorario di Forio: la gaffe ischitana nella delibera

DI CORRADO ROVEDA

ISCHIA – Che negli ultimi tempi stiano dando dimostrazione di pochezza e pressapochismo non lo scopriamo certamente oggi. E, peraltro, crediamo che i cittadini e lettori se ne siano accorti da soli. Ma che nel municipio di Ischia non siano nemmeno in grado di copiare, beh questo lascia francamente esterrefatti. Pensare che non si dia uno sguardo ad un atto ufficiale, importante e significativo quale una delibera di consiglio comunale è un qualcosa che francamente fa cadere le braccia. E, naturalmente, fa scappare una grossa risata. Se poi l’errore viene anche diffuso all’esterno, con la pubblicazione all’albo pretorio on line, allora ecco che la frittata è davvero completa. Nel mirino, stavolta, finisce l’atto deliberativo n. 36, votato nella seduta di civico consesso dello scorso 9 dicembre, e che faceva riferimento alla cittadinanza onoraria da conferire al sovrintendente Aldo Imer.

Nella seconda pagina, come si può notare dall’immagine pubblicata in pagina, si legge quanto segue: “Ritenuto di poter proporre al consiglio comunale, sussistendone i presupposti, di procedere al conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Forio all’architetto Aldo Imer”. Avete capito bene, si parla chiaramente di Forio. Ed a questo punto la domanda ed il dubbio sorgono spontanei: è stato un infelice copia e incolla (come riteniamo decisamente probabile) o siamo davanti ad un gemellaggio con il Comune del Torrione che proprio non conosce più confini? Gli strani legami tra il palazzo presieduto dal sindaco Giosi Ferrandino e quello dove invece siede Francesco Del Deo negli ultimi tempi sono parsi evidenti a tutti. Basti pensare che in un comunicato stampa del palazzo municipale di via Iasolino, dove si parlava degli ultimi eventi in programma ad Ischia per il cartellone natalizio, si ricordava anche la Notte Bianca in programma a Forio e poi saltata per le avverse condizioni meteorologiche. Una cosa è certa, la cittadinanza onoraria sbagliata la vogliono conferire soltanto ad Imer perché nell’altra delibera – votata sempre in occasione della medesima seduta del 9 dicembre – dove si parla di Carlo Alemi, il riferimento è corretto nel senso che si parla espressamente di cittadinanza onoraria ischitana. Insomma, lo strafalcione bis, se questo può essere motivo di consolazione, non si è verificato ma resta la gaffe.

Insomma, al di là del mero errore nel copia e incolla, il papocchio sembra quasi un segno del destino e voler rimarcare in maniera eloquente quelli che sono gli strani intrecci sull’asse Ischia-Forio, che peraltro si sono registrati ed anche implementati negli ultimi tempi. Pensiamo ad esempio a Pierluca Ghirelli, liquidatore dell’Evi, in odore di incarico nella costituenda super partecipata ischi tana ma attratto anche dalle sirene della Marina del Raggio Verde. Per non parlare poi dell’assunzione di Antonio Bernasconi, che ha ottenuto l’incarico a tempo indeterminato ad Ischia. Insomma, che nel Comune capofila dell’isola verde avessero voglia di fare la voce grossa, questo è un po’ storia “consolidata”, ma che ormai potessero prendersi la briga di assumere le decisioni anche per conto di Forio ci sembra un po’ eccessivo. Che dire, le vie della politica sono infinite…

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close