Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Alibus gratis? Ma gli isolani restano comunque a piedi

Dalla Redazione

ISCHIA. Non si sono placati i malumori e i commenti stupefatti di coloro che hanno sperimentato dal vivo il nuovo servizio Alibus dal porto di Napoli. Dopo il coro di protesta per l’illogico balzello (4 euro) imposto anche ai residenti e pendolari delle isole, e soprattutto l’altrettanto illogico percorso del mezzo, che di fatto non ha assolutamente sostituito la navetta che faceva la spola tra Calata Porta di Massa e il Beverello,nei giorni scorsi la Regione sembrava aver inteso le ragioni degli utenti che devono quotidianamente attraversare l’ampio scalo portuale. Sembrava, appunto. Perché nei fatti l’unica mossa concreta da parte della Regione è stata quella di cancellare il balzello di 4 euro per gli isolani, dimostrando di non aver compreso che il problema principale è di tutt’altra natura. Il Presidente di Federalberghi Ischia, Ermando Mennella, ha messo a fuoco la questione: «Nei giorni scorsi ho appreso che dal primo febbraio il tragitto tra Molo Angioino fino all’Immacolatella Vecchia sarà gratuito sulla Linea Alibus: in pratica, si tratta di 300 metri scarsi in autobus, ma a fronte di ben 150 metri a piedi. E sarebbe questa la soluzione al problema? Allora non ci siamo proprio». Esistono infatti due fortissime contraddizioni, che Mennella ha illustrato: «Innanzitutto, se devi andare a Calata Porta di Massa a partire dal Molo beverello devi fare almeno 150 metri per raggiungere la fermata, lì attendi l’orario di partenza dell’alibus, scendi dopo 300 metri e raggiungi a piedi Porta di massa dopo circa altri 300 metri tra officine e deposito, senza  percorso pedonale, oppure, se segui l’unico percorso segnalato per i pedoni, devi addirittura scarpinare per più di un chilometro. Le sembra normale?». Ma non finisce qui: «Inoltre – continua l’esponente di Federalberghi – chi fa il percorso inverso deve passare, come detto, tra i cantieri e officine senza percorso pedonale, oppure in alternativa il percorso esterno segnalato ed attendere all’altezza dell’Immacolatella Vecchia l’arrivo dell’Alibus per fare sempre 300 metri ( anzi qualche metro in più perché si gira attorno alla  spiga di Molo Angioino ) a fronte di 150 metri lineari a piedi, ma arrivi al Beverello!  Non so se noi utenti stiamo esagerando su questa questione, ma mi pare che si stia raggiungendo la follia», conclude Mennella.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x