CULTURA & SOCIETA'

Alla mensa del sorriso, la cena solidale con gli gnocchi di zia Giggina

Dopo il successo di pasta grannies, zia Giggina torna in cucina a impastare gnocchi, lo farà Sabato sera per la mensa del sorriso

Una cena di natale per dare la possibilità a chi è meno fortunato, di essere accolto a pranzo con un piatto caldo in una atmosfera familiare e affettuosa. E’ questo il senso del nuovo evento organizzato dalla mensa del Sorriso di Casamicciola. Ai fornelli, questa volta, ci sarà Zia Giggina, nota ai più per la sua partecipazione a pasta Grannies un canale youtube che vanta oltre 8 milioni di follower e che racconta, attraverso diversi video, le tradizioni culinarie di diversi paesi entrando nelle cucine delle donne che meglio di tutte custodiscono i segreti delle ricette perfette, le nonne. Giggina, 83 anni, è stata una delle protagoniste, la scorsa estate.

Il video della sua ricetta: gnocchi e braciole ha raggiunto in poche ore milioni di followers e lei che non s’imbarazzava affatto davanti a microfoni e telecamere, è pronta a tornare ai fornelli. L’appuntamento è per sabato alle 20.30 e nel menù di 15 euro ci saranno i famosi gnocchi al ragù e dolci natalizi. Il ricavato sarà devoluto a sostegno della mensa del sorriso. A fine novembre scorso l’Assoforense di Ischia, guidata dal suo Presidente, Avv. Gianpaolo Buono, ha partecipato alla Cena di solidarietà presso la Mensa del sorriso a Casamicciola. Numerosissimi gli Avvocati presenti con le loro famiglie e amici, che hanno contribuito con grande generosità alla riuscitissima serata , condividendo con la Mensa del sorriso i valori di solidarietà laica verso coloro che vivono situazioni di difficoltà estrema. “Mai più soli”.

E’ questa la scritta che accoglie quanti si recano, a Casamicciola, presso la mensa del sorriso, struttura inaugurata nel 2015 per tutti quelli che hanno difficoltà a mettere un pasto caldo in tavola. Da quel giorno sono stati circa quindicimila i pasti preparati, un’iniziativa, questa, che fu accolta con grandi consensi, ma che poi è stata lasciata a se stessa. «L’unità di strada, insieme alla Caritas Diocesana, ha voluto dare nuova linfa a questa struttura e l’idea – continua Carlo – è quella di fare rete con tutte le realtà del nostro territorio che si occupano degli ultimi». Ad oggi, la Mensa del Sorriso rappresenta un posto dove potersi ritrovare, al caldo, per ricaricare un cellulare o per parlare con qualcuno di problemi che, se non condivisi, sembrano essere irrisolvibili soprattutto per chi è solo e non ha possibilità economiche. Un luogo dove, stando un po’ in compagnia, si ritrova il sorriso, nonostante tutto.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close