ARCHIVIO 5

Allarme via Campagnano, il PCIML scrive anche al Prefetto

Con questa precisa richiesta rivolta all’Amministrazione comunale guidata da Giosi Ferrandino, nei giorni scorsi con un dettagliato servizio giornalistico abbiamo denunciato la situazione di pericoloso dissesto stradale che da circa un anno si è venuta a creare in via Campagnano, la strada di Ischia che dalla Frazione  collinare si inoltra verso l’interno. Si tratta di uno dei percorsi dell’isola d’Ischia che riserva a pedoni e automobilisti scorci panoramici a dir poco mozzafiato  con sullo sfondo a fare da straordinaria cartolina il Castello Aragonese, la Baia di Cartaromana, Procida, Vivara, Monte di Procida e  Bacoli. Il pericoloso dissesto che caratterizza questa strada è dovuto al cedimento di alcuni centimetri del selciato. Un cedimento che si estende per circa venti metri e che preoccupa parecchio le mamme e i papà che tutti i giorni la percorrono coi loro bambini per ritirarsi a casa e che temono che con le prossime infiltrazioni di acqua piovana la strada possa cedere. Non sappiamo a cosa sia dovuto questo smottamento verificatosi sul lato destro di via Campagnano dove circa due anni fa, come ci hanno riferito alcuni cittadini, furono effettuati gli scavi per la posa della condotta del gas e quelli per la collocazione dei pali della pubblica illuminazione, ma quello che è certo è che urge l’intervento della pubblica amministrazione. Per chiedere un adeguato ed urgente intervento di messa in sicurezza di via Campagnano a tutela della pubblica incolumità e garantire al tempo stesso  la fruizione in sicurezza della strada a residenti e turisti, i Dirigenti del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista guidato da Domenico Savio hanno inviato un’istanza correlata da documentazione fotografica  al Sindaco e al Dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Ischia e per conoscenza anche al Comando di Polizia Municipale e alla Dottoressa Gerarda Maria Pantalone, Prefetto di Napoli. L’augurio è che ora finalmente si intervenga in via Campagnano.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close