ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

All’Oasis la 29° festa del donatore della Fidas, tutti insieme per la vita

Di Isabella Puca

Foto Giovan Giuseppe Lubrano

 

Forio – Si è svolta domenica pomeriggio all’Oasis la 29° festa del donatore organizzata dalla Fidas. In più di 100 hanno preso parte alla festa che ha voluto riunire e premiare quanti sono protagonisti di questo incredibile gesto d’amore per la vita. Dopo un primo momento che ha visto una messa celebrata da Don Marco d’Orio, prete donatore, nella chiesa di San Francesco di Paola di Forio, la festa è proseguita nella struttura della famiglia Impagliazzo. Assente il capitano Salvatore Coppola che ha voluto essere presente però con un saluto inviato tramite un messaggio audio. «Vi saluto tutti caramente un affettuoso abbraccio», queste le sue parole accolte dall’applauso dei presenti raggiunti anche dai saluti della signora Concita Capezza e dal presidente regionale dei donatori dott. Carotenuto.  Luigi Trani, presidente per la Fidas Ischia ha invece spiegato la questione organizzativa relativa alle prenotazioni. Dall’inizio dell’anno, infatti, le donazioni vengono sì effettuate nelle domeniche indicate, ma tramite prenotazione. «Bisognerebbe programmare sempre le donazioni – ha aggiunto Trani – il centro regionale, in base al consumo di sangue dell’ anno prima, chiede alle associazioni di produrre quel numero di sacche. Questo per far si che non si arrivi all’emergenza. Si può chiamare in qualsiasi momento e prenotare, serve per creare anche uno smaltimento del flusso cosi da dare una situazione migliore anche ai donatori».  Domenica prossima si svolgerà una donazione speciale, il Cardarelli ha chiesto infatti all’associazione ischitana una donazione dedicata agli A, B, e zero negativo, «creiamo fasce orarie di mezz’ ora fino alle 11:00, gestiamo 7-8 persone per fascia e nel caso in cui non possiate donare avvisateci cosi vi cancelliamo. Ora dobbiamo dare una mano al Cardarelli». Ha voluto esserci anche l’amministrazione del comune di Forio con alcuni consiglieri donatori e il sindaco Francesco Del Deo. «Sono meravigliato di vedere un’associazione cosi numerosa – ha detto quest’ultimo – e vedo davvero tanti amici. Scusate di questa mia inconsapevolezza; non sapevo ci fosse, qui a Ischia, una presenza di donatori cosi numerosa. In passato ricordo che si donava il sangue quando qualcuno aveva bisogno per un’operazione, si raggruppavano gli amici e spesso andavo; non c’ era questa cultura. Ora non posso più farlo perché ho superato l’ età, ma possiamo toglierlo a litri – ha detto ancora scherzando – al consigliere Savio e Di Vaia. Ho toccato con mano questo problema; donare salva la vita; da una sacca, con la chimica odierna, addirittura si possono salvare tre  persone. Il sangue non si può fabbricare c’è bisogno dell’ uomo. É un fatto sociale e vorrei chiamarvi uno per uno per congratularmi. Donare deve essere un piacere, quello di salvare le vite. Credo di interpretare il desiderio degli altri sindaci dicendovi grazie per quello che fate». Da Maria D’Ascia è partita così una proposta largamente accettata dal sindaco Del Deo, una mattinata di donazione con i sindaci e i consiglieri dell’isola, «Sono sicuro che risponderanno tutti positivamente – ha risposto Del Deo – é un segnale forte, facciamolo e verremo tutti». Presente per l’amministrazione del comune d’Ischia anche il consigliere Luigi Di Vaia, «seguiamo da vicino gli sforzi della Fidas e avevamo il polso di una situazione che sta crescendo sempre di più.  Sono un donatore anche io e ogni volta mi congratulo e apprezzo la sensibilità con cui vi rapportare a noi; ci fate sentire parte di una famiglia destinata a crescere. In ottica di aiutare questo processo di crescita siamo in contatto con il presidente nazionale Fidas, il dott. Calligaris; con lui  ci stiamo sforzando di organizzare qualcosa a favore della donazione. A breve con l’ assessore Rosanna Ambrosino ci sentiremo con gli altri comuni per organizzare qualcosa per il mese di aprile che vedrà una giornata per la donazione. Qui a Ischia la Fidas rappresenta una felice realtà; siete motivo d’orgoglio». Un ringraziamento, tramite un caloroso applauso è andato poi ai dottori,  al personale della clinica di San Giovan Giuseppe e a tutti i volontari che prestano il loro aiuto gratuitamente, «grazie a tutti i volontari che credono nel progetto della Fidas e grazie alle signore che preparano i dolci e a Calise che da anni ci regala i cornetti». Presenti anche gli amici del Lion’s Club rappresentati dal dott. Gerardo Sorrentino. Lo scorso novembre il presidente Mattarella ha consegnato delle onorificenze al merito per l’impegno nella solidarietà, nell’integrazione, nel soccorso, nell’inclusione e nella legalità; tra questi trova spazio anche un donatore che con la sua azione, così come quella di tutti gli altri della categoria, rappresenta il volto bello dell’Italia. Il 2016 è stato un anno straordinario per la Fidas Ischia, non soltanto per il numero di sacche raggiunto – 915, un numero da record – così come da record è stato il signor Pino Bramante che ha tagliato, e superato, il traguardo delle 100 donazioni. 65 anni e l’entusiasmo di un adolescente, 32 anni di donazioni con la Fidas senza mai chiedere un permesso al lavoro.  Dei 2500 donatori iscritti alla Fidas Ischia si è poi passati alle premiazioni dei 115 che si sono distinti. Tanta l’emozione per chi viene premiato per la prima volta e più aumenta il numero delle donazioni per cui si è premiati e più forte sembra essere l’applauso. «Prendiamo l’ impegno di sostenere e affiancare la Fidas, riteneteci vicino a voi», ha aggiunto entusiasta il sindaco Francesco Del Deo. Tra i tanti che si sono recati a ritirare il premio, è da notare la presenza di molti giovani, come quelli dell’associazione Moveo di Panza, della Cicli Scotto o ancora gli studenti del professor Mario Miragliuolo che è riuscito a trasmettere l’importanza del dono anche tra i banchi di scuola. Non poteva di certo mancare un ulteriore riconoscimento per Pino Bramante che, emozionato e sorridente, ha ricevuto un orologio con incisa la data della centesima donazione. «Grazie di cuore a tutti, il mio é un piccolo contributo mi sento in forma e continuerò fin quando me la sentirò. Donate tutti che fa bene, prendete esempio da me e dopo la donazione andate a lavorare, vedrete che vi sentite meglio!

TUTTI I PREMIATI

 

Le donne che hanno effettuato 3 donazioni

Giovanna Iacono

Gilda Boccanfuso

Assunta Mazzella

Daniela Iacono

Anna Vuolo

Maria Colella

Rita Colella

Roberta Forni

Restituta Piro

Maria Russo

 

 

Gli uomini che hanno raggiunto le 5 donazioni

Luigi Califano

Antonio Vassallucci

Antonio Taglialatela

Simone De Sanctis

Antonio Lauro

Antonio Barnaba

Luigi Iacono

Simone D’Aiello

Giovanni Trani

Marco Gualtieri

Leonardo Iacono

Anielo Di Maio

Angelo D’Acunto

Giuseppe Iacono

Giuseppe Mattera

Aldo Pesce

Agostino Scotto di Perrotolo

Stefano Telese

Salvatore Trani

Gabriele D’Ambra

Gennaro Di Massa

Mario Palamaro

Ermanno Cigliano

Emanuele Marna

Eduardo Buono

Jorge Enrique Vargas Aldana

Silvestro Capuano

Giovanni Barile

Ciro Espostio

Ciro Cenatiempo

Carmine Pesce

Giovan Giuseppe Di Meglio

Boujemaben Mohamed

Mario Acunto

Salvatore Veccia

 

 

 

Le donne che hanno raggiunto le 5 donazioni

Giuseppina La Pietra

Anna Manna

Angela Arcamone

Roberta Iacono

Carmen Laino

Dawn Karmen Cuomo

Teresa Mattera

Anna Mattera

Carmela Ferrandino

Carla Migliaccio

Silvia Kogel

Anna Zabatta

Rossella Novella

Gabriella Abich

Gelsomina Trani

Concetta Lubrano

Magdalena Dorota Slodownik

 

 

 

Uomini e  donne che hanno raggiunto le 10 donazioni

Sergio Di Meglio

Mattia Iacono

Eugenio De Siano

Francesco Di Massa

Pietro Scaglione

Francesco Paolo Petrone

Daniele Trofa

Francesco Polito

Porfirio Schiano

Giancarlo Ferrandino

Giovan Giuseppe Trani

Vittorio Barnaba

Giovanni Iaccarino

Luigi Cardola

Giovanni Trani

Nascerreddine Riff

Ciro Striano

Vito Barnaba

Arcangelo Giovanzante

Kujtim Ajazi

Fabrizio Impagliazzo

Alessandro Zabatta

Luigi Iride

Lorenzo Castagliuolo

Catello Buono

Gennaro Giovanzante

Antonio Piro

Michele D’ambra

Agnese Cigliano

Anna Mattera

Pasqualina Fermo

Francesca Impagliazzo

 

 

 

Uomini che hanno raggiunto le 20 donazioni

Francesco De Siano

Giuseppe Coppa

Luigi Scotti

Luigi Energe

Mario Miragliuolo

Salvatore Manzi

Antonio Del Monte

Giovanni Cambone

Francesco Russo

Saverio Casciello

Kata Nadj Savio

 

 

 

Gli uomini dalle 30 donazioni

Maurizio Pinto

Francesco Mazzella

Thomas Iodice

Gaetano Di Iorio

Dario Napolione

 

 

Uomini che hanno raggiunto le 50 donazioni

Salvatore Iacono

Sergio Cricco

Paolo May

Vincenzo Mazzella

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close