Statistiche
CRONACA

Altro ‘no’ del Consiglio di Stato: «Scuole restano chiuse in Campania»

Respinta la nuova istanza di sospensione del provvedimento firmato da De Luca

Anche il Consiglio di Stato dice ‘no’ alla richiesta di sospensiva dell’ordinanza firmata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha sospeso la didattica in presenza fino al 14 marzo. I ricorrenti avevano chiesto di bloccare gli effetti del provvedimento, ma non l’hanno spuntato. L’istanza era stata presentata dai genitori di alcuni bambini delle scuole dell’infanzia e elementari di Caserta. La linea è la stessa tenuta dal Tar Campania nei giorni scorsi.

La discussione dovrà entrare nel merito, ma è difficile immaginare che ci possa essere un cambio di rotta da parte dei giudici amministrativi considerando che, ormai, in tutta Italia si sta andando verso il blocco della didattica in presenza a causa delle nuove varianti (soprattutto quelle inglesi) che stanno portando alla terza ondata di Covid. Tanto che la Campania viene indicata come prossima all’entrata nella zona rossa fin a partire da lunedì 8 marzo. Il presidente della Terza Sezione del Consiglio di Stato, Franco Frattini, nel decreto col quale ha respinto l’istanza, ha scritto: «E’ un diritto ma insieme un dovere per le Regioni, che decidono misure più restrittive sulla scuola delle indicazioni nazionali, mantenere il costante monitoraggio dei dati per valutare, senza alcun ritardo, l’eventuale anticipazione del ripristino della presenza scolastica nelle classi degli scolari più giovani». Studenti che «forse più degli altri hanno necessità di presenza in classe per il loro ottimale sviluppo relazionale e psicofisico oltreché educativo».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x