CRONACA

Anche a Serrara norme anti-covid per i dipendenti comunali

Dopo Barano, anche il Comune montano vara l’obbligo di comunicazione in caso di contatto diretto o indiretto con soggetti positivi, con isolamento domiciliare e smart working

Dopo Barano, anche il Comune di Serrara Fontana vara una direttiva anticovid, relativamente alle modalità di lavoro dei dipendenti comunali. Le notizie diramate dal Ministero della Salute parlano di un aumento dei nuovi casi segnalati in Italia per la quarta settimana consecutiva, con un’incidenza simile a quella di inizio giugno. La maggior parte dei casi continua ad essere contratta sul territorio nazionale, e si osserva rispetto alla settimana precedente un aumento di casi importati da altra regione. E visto l’incremento dei casi nella regione Campania, il segretario comunale di Serrara Fontana nella direttiva ha disposto che “tutti i dipendenti comunali, i ragazzi impiegati nel servizio civile e comunque tutti i soggetti a vario titolo impiegati presso l’ente, che abbiano avuto contatti diretti o indiretti di primo grado con uno o più soggetti risultati positivi al Covid-1 ne diano immediata comunicazione telematica all’indirizzo di posta elettronica certificata dell’Ente”.

Inoltre è stato disposto che tali soggetti “si pongano in isolamento domiciliare volontario svolgendo attività lavorativa in smart working, ovvero avvalendosi delle ferie maturate comunicando l’opzione scelta all’Ente”, fermo restando il potere organizzativo del segretario. Il regime di isolamento fiduciario domiciliare verrà meno all’atto dell’eventuale esito negativo degli esami che dovrà essere prontamente comunicato al Comune. Queste disposizioni si applicheranno fino alla cessazione dello stato di emergenza, ma in caso di proroga saranno anch’esse automaticamente prorogate.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button