ARCHIVIO 5POLITICA

Appello Balga, il Comune di Lacco si costituisce in giudizio

Non è finita con la sentenza del Tar la lunga querelle per l’appalto della nettezza urbana all’ombra del Fungo. Come si ricorderà, nell’ottobre scorso, la Team3R, società di Orbassano che fino a un anno fa aveva svolto il servizio di nettezza urbana a Lacco Ameno, aveva inoltrato ricorso al Tar per annullare il provvedimento di aggiudicazione definitiva alla ditta concorrente, l’ischitana Balga, e di tutti gli atti collegati. La giunta municipale scelse di resistere al ricorso nominando l’avvocato Nocerino quale difensore. Ciononostante, poco meno di due mesi fa, a febbraio, il Tribunale amministrativo ha accolto le ragioni della Team3R, annullando l’aggiudicazione definitiva del 31 agosto. La Balga ha deciso di interporre appello al Consiglio di Stato contro tale sentenza. La Giunta municipale guidata da Pascale, in formazione ridotta (assenti gli assessori Di Meglio e Prota), ha approvato la decisione di costituirsi in giudizio in tale appello. Voci di corridoio fanno pensare che la mossa non sia stata presa all’unanimità in seno alla compagine di maggioranza: tra l’altro, come molti ricorderanno, nelle scorse settimane, l’amministrazione aveva dimostrato di volersi uniformare alla sentenza del Tar, pur se permanevano i dubbi interpretativi sulla corretta applicazione della decisione. Per dissiparli, dopo aver ottenuto il parere dell’avvocato Raimondo Nocerino, legale di fiducia del comune del Fungo, la giunta municipale aveva depositato un  ricorso al Tar della Campania ai sensi dell’articolo 112, comma 5 del codice processuale amministrativo, proprio per ottenere i chiarimenti necessari dallo stesso Giudice che ha emesso la sentenza, e poter così ottemperare nella maniera adeguata alla decisione, chiedendo in sostanza di fornire l’interpretazione “autentica” a cui uniformarsi. In ogni caso, con la decisione di costituirsi nell’appello proposto dalla Balga, è stato parallelamente deliberato di conferire l’incarico di assistenza giudiziale all’avvocato Ferdinando Scotto, con studio legale a Napoli in via Caracciolo, per rappresentare e difendere il Comune di Lacco Ameno. La delibera prenota anche la relativa spesa, pari a 2000 euro oltre Iva e c.p.a. a titolo di acconto. L’avvocato Scotto applicherà una riduzione del 20% sul compenso professionale.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button