Statistiche
CRONACA

Archiviata la DAD, ecco l’isola che torna in classe 

A Forio la preside Chiara Conti per esigenze organizzative ha spostato il ritorno in aula per i bambini della prima media a lunedì. Negli altri Comuni, eccetto quello capofila, si rientra con orari ed ingressi scaglionati 

A Casamicciola, Barano, Lacco Ameno, Forio e Serrara Fontana si torna in classe anche in zona rossa. Restano a casa, in dad, solo gli alunni delle scuole di Ischia. Questa mattina la campanella è tornata a suonare per i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia, della primaria e della prima media. A deciderlo è stato il presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi che nel Decreto-Legge n.44 del 1 aprile 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.79 ha disposto la riapertura delle scuole ed il divieto, da parte dei presidenti delle Regioni e dei sindaci, di chiusure. L’avviso di ritorno in classe è stato pubblicato su tutti i siti web delle scuole isolane.

Tutte le scuole risprono e ritornano ad un’organizzazione già collaudata nei mesi scorsi, seppur con qualche differenza. Le scuole ubicate nel Comune di Ischia, come detto, continueranno con la didattica a distanza in via precauzionale fino a sabato. Il sindaco Enzo Ferrandino ha adottato un atteggiamento prudenziale. Tornano in classe lunedì anche gli alunni della scuola media di primo grado di Forio. «Si avvisano i genitori che per motivi organizzativi le attività didattiche riprenderanno a partire da mercoledì 07 aprile 2021 in modalità a distanza per tutti gli studenti della scuola secondaria di primo grado. A partire da lunedì 12 aprile 2021 sarà consentito il rientro in presenza degli studenti delle sole classi prime secondo le modalità che saranno comunicate nel corso della settimana. Gli studenti delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado continueranno a seguire le lezioni a distanza fino a nuove disposizioni», ha comunicato la dirigente Chiara Conti.  Sempre al secondo Circolo di Forio c’è anche un’alternanza della didattica in presenza ed a distanza per gli alunni dalla prima alla quarta elementare. Per tutti la dirigente ha ribadito, ancora una volta, le regole: «I soggetti che abbiano avuto contatti con persone positive al Covid devono rispettare le giornate di quarantena così come previsto dalla normativa vigente ed effettuare il tampone.

Il rientro a scuola è permesso previo certificato medico. Per quanto riguarda gli alunni positivi al Covid al momento della ripresa delle attività in presenza, è necessario inviare una comunicazione alla scuola nella quale si specifica il nominativo dell’alunno/a, classe di appartenenza, motivazione della mancata ripresa delle attività in presenza». Il rientro a scuola è permesso previo certificato medico che attesti la negatività al tampone dell’alunno/a.  ed infine la dirigente ha ricordato come «Solo una perfetta sinergia scuola-famiglia e un comportamento eticamente corretto potrà consentire ai nostri alunni una chiusura dell’anno scolastico in sicurezza». Orari scaglionati e varchi diversificati per l’Istituto Comprensivo Ibsen, guidato alla preside Marilisa Mancino. I bambini della scuola dell’infanzia entreranno tre le 8,85 e le 9, mentre i piccoli alunni della scuola primaria, a seconda della classe, entreranno tra le 8,10 e le 8,20 ad intervalli di cinque minuti.  E così anche gli alunni della scuola secondaria di primo grado entreranno, sempre scaglionati, tra le 8,10 e le 8,20. «Le classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado – ha puntualizzato la dirigente scolastica – continuano le attività didattiche a distanza secondo gli orari pubblicati sul registro elettronico. Si conferma la prosecuzione delle attività didattiche in presenza per gli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità secondo le modalità concordate con le famiglie».

Ancora una volta è stato ribadito che «ai sensi del DPCM del 05/11/2020, è fatto obbligo di indossare la mascherina a scuola per gli alunni della primaria (chirurgica o di comunità purché opportunamente igienizzata), anche quando sono seduti al banco “L’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza con uso obbligatorio di dispostivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina”, in quest’ultimo caso da attestare con certificazione medica che ne prescriva la deroga». Per tutti all’ingresso dell’istituto scolastico avverrà la misurazione della temperatura da parte dell’Istituzione scolastica con gli appositi dispositivi termoscanner/rilevatori di temperatura. Tutti i dirigenti scolastici nei vari avvisi hanno chiesto la «massima collaborazione delle famiglie nel mantenere il distanziamento interpersonale, evitando assembramenti nelle immediate pertinenze scolastiche, durante le operazioni di ingresso e di uscita da scuola».

Ads

Articoli Correlati

0 0 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x