Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Arpac e mare inquinato, Ischia e Procida limitano i danni

ISCHIA. La stagione turistica entra nel vivo, e riemergono problemi e criticità sulle quali si dibatte da anni, anche perché ben poco si fa in pratica per risolverli. Al meteo estremamente variabile e non certo favorevole a chi punta alle vacanze balneare, si aggiungono i risultati dei consueti rilievi delle acque di mare compiuti dagli addetti dell’Arpac, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Campania. I responsi non sono stati edificanti, in quanto specialmente nella penisola sorrentina sono stati rilevati diversi sforamenti del limite massimo previsto per quanto concerne batteri pericolosi come gli enterococchi e gli escherichia coli. Resta da vedere se si tratta di un eccesso di concentrazione a carattere passeggero, dovuto a fenomeni contingenti, oppure se siamo di fronte a un fenomeno permanente, e allora ci sarà da preoccuparsi. In ogni caso i tecnici dell’Agenzia a stretto giro dovranno effettuare nuovi rilievi nelle acque dei litorali campani, e allora si saprà qualcosa di più.

ISCHIA E PROCIDA. Se entriamo nel dettaglio, la situazione “ischitana” è comunque meno peggio della media. Nelle acque della spiaggia dei Maronti a Barano, una settimana fa è stato accertato un leggero superamento della concentrazione di enterococchi intestinali: 238 unità in 100 millilitri di acqua, mentre il limite massimo previsto dalla legge è 200. Valori simili sono stati registrati anche nella vicina isola di Procida, nei pressi della spiaggia del Cimitero. Nello scorso weekend, l’imbarcazione dell’Arpac è comunque ritornata presso le coste ischitane e procidane, per le analisi che faranno da controprova. Ovviamente i tecnici si sono interrogati sulle possibili origini di tale sforamento dei valori, che non possono essere stati causati da fortissime piogge (inesistenti nei giorni precedenti ai campionamenti) e dall’eventuale entrata in funzione della fuoriuscita di acque fognarie per evitare danneggiamenti alle tubature. Quindi resta in una certa misura sorprendente tale pur minimo superamento del limite. Potrebbe anche essere che la mancata o insufficiente manutenzione delle vasche abbiano fatto scattare la fuoriuscita delle acque nere anche in presenza di scarse precipitazioni.

CAMPANIA. Nel resto dei litorali campani vi sono casi ben più gravi, come nella citata penisola sorrentina, dove in alcuni punti, come nei pressi di Vico Equense, oltre a schiuma e rifiuti in superficie, si sono registrati fino a oltre duemila escherichia coli in cento millilitri, laddove il massimo valore per definire un tratto di mare senza rischi per i bagnanti è di cinquecento unità. Valori anche peggiori sono stati rilevati in due arenili di Meta di Sorrento, in cui i limiti di concentrazione di enterococchi sono stati superati con una quantità  oltre dieci volte superiore, mentre per gli escherichia coli i valori rilevati sono cinque volte quelli stabiliti come massimi dalla legge. Un comune denominatore, in questi casi, è che le amministrazioni comunali dei siti dove sono stati rilevati gli sforamenti non emanano praticamente mai il divieto di balneazione quando arriva il risultato delle analisi Arpac: un’attitudine dovuta probabilmente al timore di rovinare la reputazione, e quindi gli affari, delle proprie località balneari, ma che a fine anno si trasforma in salate multe da parte dell’Unione Europea, che vengono inflitte alle regioni che non rispettano la procedura.

I rilievi dell’Arpac  giungono a un mese di distanza dall’assegnazione dei riconoscimenti della cosiddetta “bandiera blu”: la Campania è passata dalle 15 spiagge del 2017 (primato tra le regioni del Mezzogiorno) alle 18 del 2018, seguendo in questa classifica la Liguria con 27 località e la Toscana con 19. Con 18 bandiere blu – tre in più rispetto allo scorso anno – la Campania si conferma nel 2018 la prima regione del Mezzogiorno, e la terza in Italia, per spiagge e mare pulito. Ischia, tuttavia, anche quest’anno risulta assente nella distribuzione del simbolo vessillo.

 

Ads

 

Ads

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex