Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Arresto del giudice Longo, Cellammare: «Urge nomina di un nuovo magistrato togato»

All’indomani dell’arresto del giudice Longo con l’accusa di associazione a delinquere, corruzione e falso, l’avvocato Francesco Cellammare, Presidente della Associazione forense dell’isola d’Ischia ha così commentato: «Vorrei chiarire che il Tribunale di Ischia non c’entra niente in questa triste vicenda, che si riferisce a fatti presuntivamente avvenuti a Siracusa. Il dottor Longo infatti ha preso servizio ad Ischia solo il 22 gennaio scorso ed ha celebrato due udienze civili a settimana per il momento disponendo solo meri rinvii. Dal lato umano ripeto che mi dispiace ed auguro al giudice, apparsomi una persona perbene nelle due o tre brevi occasioni in cui ho avuto modo di parlarci, di riuscire a chiarire la sua posizione ed a dimostrare la sua estraneità ai fatti contestatigli. Purtroppo, come è immaginabile, ciò complica ulteriormente la nostra disperata impresa in difesa e per il mantenimento e l’efficientamento del Presidio di Giustizia di Ischia, già gravemente compromessa dalla mancata concessione della proroga e dalle gravissime carenze di organico, privandoci persino del secondo giudice togato, sicché tutto il carico di lavoro, che nel civile prima era ripartito tra tre togati, salvo il ruolo in esaurimento del giudice onorario, ormai ricadrebbe quasi esclusivamente su un unico togato. L’Assoforense si è mossa immediatamente e, pertanto, chiede ed auspica che la Presidenza del Tribunale assegni al più presto ad Ischia almeno un altro giudice togato. Nei prossimi giorni incontreremo i Vertici dell’Avvocatura e Magistratura Napoletana, le istituzioni nazionali ed i nostri rappresentanti politici per richiedere interventi urgenti».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x