Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Arte e riciclo, al via la mostra di Felice Meo all’Hotel Marina 10

CASAMICCIOLA TERME. «Io sono una goccia nell’oceano, da solo non posso salvare il sistema. Però io inizio, e qualcuno magari si sveglia e magari segue il mio esempio dando un contributo maggiore alla salvaguardia dell’ecosistema». Con questo messaggio affidato al cronista Felice Meo ha di fatto inaugurato la mostra “Visioni e passioni”, dinanzi a un pubblico numeroso, attento e soprattutto letteralmente conquistato dalle opere del maestro. La mostra – visitabile presso l’Hotel Marina 10 di Casamicciola fino al prossimo 30 settembre – nasce dall’accostamento di pezzi di vecchie cisterne d’acqua con fili di ferro che diventano capelli di affascinanti e sinuose donne. Con uno sguardo all’oggetto, la mente dell’artista comincia a viaggiare, fino a quando non arriva l’idea giusta e l’oggetto inanimato cambia forma prendendone una nuova.

Un percorso immerso tra le emozioni, insomma, alla cui inaugurazione hanno risposto presente in tanti, in primis ovviamente l’artista che non ha nascosto la sua… di emozione. «Per me esporre a Casamicciola non è una cosa come tutte le altre. Oggi respiro sensazioni particolari. Non vivo più qui, sono di passaggio, ma ho ricevuto tanta solidarietà dalle persone che non vedevo da tempo. Sono tornato indietro nel tempo, con questa mostra voglio tornare a vivere Casamicciola. L’arte anche in piazza? Sì, me lo ha chiesto il sindaco Castagna ma io francamente vorrei proporgli qualcosa di nuovo, diverso e alternativo: creare cioè un percorso d’arte, caratterizzato dalla presenza di più personaggi. Farebbe piacere anche a me». Al simbolico taglio del nastro, accanto a Felice Meo, c’era Maria Funiciello – cognome indissolubilmente legato all’arte made in Ischia – il sindaco Giovan Battista Castagna ed il patron dell’Hotel Marina 10, Ottorino Mattera.

Il primo cittadino della cittadina termale ha spiegato: «Felice Meo è un mio carissimo amico, si è fatto strada altrove e sono contento che finalmente sia qui a Casamicciola, in quella che è casa sua. Voglio rimarcare il fascino consistente nell’utilizzare materiali da riciclo, che all’apparenza non servono più e invece riprendono vita in maniera straordinaria. E’ vero, l’ho pregato di portare l’arte anche in piazza e spero che questo mio desiderio possa essere presto esaudito». Dal canto suo Ottorino Mattera ha voluto sottolineare come «la cosa più bella è che il maestro ha realizzato delle opere con materiali che sarebbero finiti tutti in discarica: porte di auto, boiler in alluminio, lamiere, pezzi da cui ha creato autentiche opere d’arte. Noi lo abbiamo conosciuto quando ha esposto un’unica opera ad Ischia Ponte lo abbiamo contattato e cercato, creando un cocktail tra turismo, arte e cultura. Una miscela che non esito a definire vincente». La serata è proseguita con un rinfresco ma soprattutto con una vera e propria passeggiata dentro il bello. Sì, il bello, reso ancor più tale dall’aver preso vita dagli scarti. Una vera e propria magia. Da non perdere, da visitare. Vedrete che ne varrà la pena.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x