Statistiche
CRONACA

«Attenzione alle mascherine contraffatte, sono arrivate anche sull’isola»

I dispositivi che riportano i numeri 1282, 2037 o 2163 sono quelli ritenuti non sicuri: ecco la segnalazione di una nostra lettrice

Sono arrivate anche sull’isola di Ischia le mascherine non idonee e sicure contro il Coronavirus. Si tratta di dispositivi di protezione individuali muniti di certificati contraffatti grazie ai quali sono stati elusi i controlli doganali. A segnalarci la presenza di questi dispositivi sull’isola è una nostra lettrice. «Ho seguito – ci ha detto –  su Rete 4 martedì sera la trasmissione ‘Fuori dal Coro’ e ho scoperto che ci sono in circolazione delle mascherine assolutamente non idonee e sicure. In corso c’è anche un’inchiesta Procura di Roma». Per ora ammontano a 9 milioni circa i dispositivi con certificazioni contraffatti sequestrati dalle Dogane.  La scorsa settimana, la trasmissione di Giordano aveva denunciato il fatto che le mascherine riportanti il codice 1282 facevano capo a una società che al massimo poteva certificare trattori.  Proprio così. Quelle mascherine, dunque, non sono sicure. Questa settimana, invece, la redazione di “Fuori dal Coro” ha scoperto che anche le mascherine che riportano il codice 2037 sono potenzialmente pericolose, perché non proteggono adeguatamente dal virus. Il motivo? Fanno capo ad un ente che si occupa di materiale aerospaziale. Fatte controllare da alcuni esperti, il responso è agghiacciante: «Mettere in giro queste mascherine è come fare una tentata strage… Una mina vagante». Per quale motivo? Perché invece i filtrare il 94% filtra solo il 58%: in pratica lascia passare quasi tutto, virus compreso. Non solo: indossandola, si fa anche fatica a respirare. «Se la indossa un cardiopatico muore», ha detto l’esperto. Anche la norma stampata sulla mascherina è sbagliata. Sono quindi farlocche e possono essere comprate ovunque. L’azienda in questione, di Latina, è stata sanzionata e ha smesso di produrre questi dispositivi.

mascherine

Ma intanto l’Italia è invasa da queste mascherine pericolose. L’ultimo codice pericoloso è il 2163: le mascherine con questo codice sono certificate da un ente turco sotto indagine da parte dell’antifrode europea. L’esperto che l’ha analizzato è categorico: «Questa mascherina fa schifo, è pericolosa e per di più viene venduta anche in alcune farmacie».

«Incuriosita dal servizio televisivo – ci racconta la nostra lettrice – ho controllato anche le mie mascherine e ho notato anche le mie riportano uno di quei numeri che indica che si tratta di mascherine con una falsa certificazione». Al momento le mascherine che riportano i numeri 1282, 2037 o 2163 sono quelle finite nel mirino dei controlli perché non sicure. «In pratica – ci racconta ancora la nostra lettrice – seguendo un programma televisivo e per mera curiosità ho scoperto che le mie mascherine ffp2 sono praticamente inutili». «Si tratta – continua – di mascherine che hanno un marchio CE ma che non ci proteggono». «Il mio appello, quindi- è di controllare le proprie mascherine. Personalmente le ho acquistate in un negozio a Ischia, ma, e questo è ovvio, il rivenditore non ne ha alcuna responsabilità. Anche i commercianti sono stati truffati».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x