ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

“Balconi fioriti”, la cerimonia di premiazione del Garden Club al Giardino dell’Amicizia

di Isabella Puca

Ischia – Si è svolta lo scorso 7 luglio la premiazione della ventiduesima edizione del concorso “Ischia in fiore – balconi fioriti” organizzata dal Garden Club isola d’Ischia. Location dell’evento non poteva che essere il giardino dell’amicizia, una delle massime testimonianze presenti sul territorio di come prendersi cura della terra possa essere un’azione altamente terapeutica. Un grande gazebo bianco donato alla cooperativa Accaparlante dal Garden Club ha accolto tutti i premiati che, con contagioso entusiasmo, hanno partecipato all’iniziativa. «Tutti i riconoscimenti sono giusti ed esaminati con cura, – ha dichiarato la presidentessa del Garden Nunzia Sena – sono dei giardini di persone che amano il verde, la natura e coltivano tutto l’anno. Abbiamo aperto a tutti il giardino dell’amicizia con questa manifestazione e può darsi che, in futuro, faremo tante altre cose insieme alla cooperativa». “Il fiore è un mezzo straordinario, a volte poco costoso e di grande effetto, capace di trasformare lo scorcio di una piccola finestra o il balcone spoglio di un palazzo: questo lo hanno ben compreso due simpatici coniugi, Angela e Francesco, che, in una strada soleggiata di Panza, decorano l’abitazione che è disposta su tre livelli; i balconi sfoggiano gerani parigini, odorosi ed imperiali, piccoli fiori variegati e piante aromatiche rivelano la semplicità e la libertà del loro pensiero.  Già percorrendo la scalinata dell’ingresso ci si sente accolti da aloe, felci e si rivela in tutta la sua maestosità di grandi Cymbidium, orchidee asiatiche che paralizzano il movimento e regalano emozioni.  Percorrendo fin su la scalinata si apre alla vista una lunga veranda circondata da glicine che invita a sognare ad occhi aperti. Francesco, pur essendo uomo, non disdegna di occuparsi di cose gentili come i fiori e parla della vita come un fiore, e per questo, la terrazza ed i balconi sono anche culla e area di gioco per i gattini neonati che qui vengono allevati e curati. Angela ha anche reso questa casa il luogo da cui si diparte il futuro dei piccoli amici, mentre l’amore e la costanza restano sempre a vivere li’”. È questa la motivazione che ha spinto il Garden a consegnare un premio alla signora Angela D’Ambra e suo marito per i loro angoli fioriti in quel di Panza. Un sentito riconoscimento è andato anche Nunzia Mattera e Luciana Morgera promotrici del recupero del vicoletto di Via Elena a Casamicciola, un esempio di Social Gardening che ha coinvolto tutti i cittadini. “Grazie alle due vulcaniche madrine, – si legge nella motivazione  – decine di persone si son ritrovate in Via Elena –   un’anonima stradina di baracche post terremoto,  che nel 1883 distrusse Casamicciola –  C’erano persone di ogni età, sesso, lingua e provenienza, che hanno portato la loro pittura, le loro piante, i loro fiori, la loro musica, il loro caffè, i loro dolci, la loro creatività, la loro fantasia, la loro esperienza, e soprattutto il loro desiderio di rivoluzionare lo stato di abbandono. Tutti hanno lavorato in uno spazio senza che fosse il proprio, ma contemporaneamente di tutti. La condivisione di via Elena ha trionfato, e tra i colori dei fiori, delle voci e della musica, si è sviluppato un luogo dove “coltivare relazioni”. Oltre ad essere lì, dove le dita toccavano la  terra che fa crescere piante e fiori, si era dove i sorrisi e la gioia di tutti facevano crescere  speranza. Il  Garden Club Isola d’Ischia  ha desiderato premiare questa meravigliosa iniziativa  affinché  ci sia l’acuto contagio  del  riappropriarsi di strade e  quartieri, perché’ la bellezza, quando si ammira nella natura,  generà la vera  felicità”. Altro premio è andato al Notaio Marco De Cisti per il suo meraviglioso giardino fatto di rosse Bouganville, è il vento delle  Tillandsie che, in grandi ceste, occhieggiano con gli strani fiori rosso carminio sotto il pergolato di canne. “Più che un affaccio sul mare è un affaccio sul mondo questo meraviglioso giardino. È fatto di aria e di vento, leggero, nonostante la grande profusione di piante, come l’ anima di chi lo coltiva. È un matrimonio ben riuscito tra piante di agrumi, tante, con un prezioso Cedro di diamante e le Euphorbie e i Cestrum dai leggeri fiori bianchi. E, nelle grandi ciotole di cotto svettano bianchi Agapanti che si innalzano verso il cielo con esili gambi a mostrare la gentilezza dei teneri fiori simili a stelle, mentre azzurri Plumbaghi occhieggiano tra macchie di verde delle aromatiche e il fuoco rosso dei peperoncini.  E su tutto, la pace di un luogo appartato fuori dal mondo, ma anima del mondo stesso”. Ancora un premio per l’angolo verde ricreato a Casamicciola dalla signora Luisa Zacchia Sirabella e per quello della zona di Campagnano della signora Marilena Trani, un giardino che, come scrive la giuria composta dalle socie del Garden, “agita le corde del cuore e che infonde emozione nel guardare le aiuole, originali per la combinazione dei colori dei fiori, la loro inspiegabile densità e varietà. Tra quei colori si respira aria di serenità, e Marilena, fiera ed elegante signora, sembra perdersi solo nei profumi e nei colori dei suoi terrazzi, dove intorno ad un imperiale albero di candide magnolie, convivono specie diversissime di impatiens e petunie, di variegati e scintillanti gerani e tra questi  si erge l’insediamento armonioso dei gigli gialli, rossi ed a fiori doppi che sembra amplifichino la tonalità dei raggi del sole al tramonto. La forza e la bellezza della proprietaria si rispecchiano nella sana e rigogliosa crescita delle piante, ed in particolare modo nell’eleganza della  sua tanto amata rosa tea. Qui, tra panoramiche terrazze aperte alla soglia dei desideri, il linguaggio di questa famiglia, molto unita che vive profondamente anche le tradizioni della conservazione dei prodotti della nostra terra, coincide con quello del loro intento di bellezza, esempio da seguire per aprire le nostre case e la nostra vita alla luce dell’anima”. Presente a questa bellissima festa anche il neo eletto sindaco di Ischia Enzo Ferrandino, «questa del Garden – ha dichiarato – è un’iniziativa da apprezzare. Per me è una sorta di battesimo in qualità di sindaco del comune e trovo nell’azione del club un’azione molto proficua dal punto di vista sociale perché diffonde una sensibilità alla cura dei balconi. Se tutti curassero i loro balconi, tutto il paese ne godrebbe di miglioramento estetico, un messaggio positivo che dobbiamo cogliere per migliorare il contesto in cui viviamo».

 

 

 

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex