POLITICAPRIMO PIANO

Barano approva il rendiconto, in consiglio l’orgoglio di Gaudioso

Il primo cittadino rivendica la bontà del suo operato e in un lungo intervento snocciola i risultati dell’amministrazione. Per il resto non sono mancati i “battibecchi” con la minoranza

Nella seduta del Consiglio Comunale di Barano convocato per il giorno 30 giugno presso la temporanea sede della scuola primaria “Barano Capoluogo”, molteplici sono stati gli argomenti toccati dall’ordine del giorno, tra cui i seguenti: 1) Convenzione di segreteria tra i comuni di Barano d’Ischia e Serrara Fontana. Scioglimento precedente convenzione e contestuale approvazione nuovo schema di convenzione; 2) Approvazione rendiconto della gestione anno 2020; 3) Modifica del regolamento per l’applicazione della tassa sui rifiuti (TARI); 4) Approvazione tariffe, numero e scadenze rate di versamento della tassa rifiuti 2021; 5) Presa d’atto piano economico finanziario rifiuti anno 2020. Sul primo punto dell’ordine il Sindaco Gaudioso annuncia di persona, con soddisfazione, il passaggio dal 30% al 55% della quota di gestione della convenzione tra Barano e Serrara Fontanache divide tra i due Comuni le prestazioni del segretario comunale, in favore del Comune di Barano, che così ne diventa capofila, in nome di “qualità e competenza”, a detta del primo cittadino.

Il Dott. Pascale è poi passato all’illustrazione punto per punto del rendiconto finanziario per l’anno 2020, l’anno del lockdown. Qui le note amare sul fronte delle entrate tributarie, in calo rispetto agli anni precedenti a causa, a detta del tecnico comunale, delle conseguenze economiche dell’emergenza pandemica. Ciò nonostante, sono stati evidenziati alcuni modesti risparmi di spesa effettuati nel medesimo anno per contrastare gli effetti negativi delle mancate entrate. Su molteplici punti è intervenuta l’opposizione, in particolare sul fondo istituito per i crediti potenzialmente inesigibili da parte del Comune, strumento creato per difendersi da eventuali mancati rientri di liquidità verso le casse comunali, a seguito della possibile inesigibilità di alcuni crediti pubblici. L’opposizione, nella persona dell’Avv. Di Scala, ha accusato l’amministrazione di aver creato questo strumento solo per riuscire ogni anno a centrare ugualmente il pareggio di bilancio, coprendo quindi eventuali spese imprudenti o mancate entrate che ben potrebbero essere invece recuperate.

Prima di procedere agli altri punti all’ordine del giorno, il Sindaco ha tenuto a sintetizzare innanzi al Consiglio alcuni tra quelli che considera finora gli obbiettivi centrati dall’amministrazione da lui guidata. Ha pertanto citato “i lavori di metanizzazione, che finalmente giungono alla loro fase di ultimazione, con migliaia di cittadini che già godono dell’allaccio e della fornitura di gas da parte della nuova grande rete di distribuzione cittadina”. Dionigi Gaudioso ha tenuto a sottolineare come, “con la metanizzazione, si sono avuti e si avranno grandi risparmi a carico delle famiglie e delle attività commerciali, ma soprattutto si è creato tanto lavoro”.

Tra gli altri goal della giunta ci sarebbero il rifacimento integrale della toponomastica comunale con la riassegnazione di oltre 5mila numeri civici, il restyling della Piazza di Piedimonte, con la realizzazione di un’area giochi per bambini e di un parcheggio interrato, il completamento della copertura della Piazza dei Maronti, il rifacimento del manto stradale sulle principali arterie del territorio, i lavori per l’adeguamento sismico della casa comunale, sede originaria del Municipio, i lavori di risanamento dei costoni presso il celebre Olmitello, sempre ai Maronti, e l’investimento di 600mila euro per il recupero e la manutenzione dei sentieri montani di Barano e per il verde comunale.

In ultima battuta, chiedendo di approvare il rendiconto al Consiglio, il Sindaco ha precisato che “siamo finalmente in dirittura di arrivo anche con le procedure di approvazione del P.U.C., il piano urbanistico comunale, che ci consentirà di far crescere e sviluppare davvero Barano”. Con sette voti favorevoli e tre contrari, è passata pertanto la mozione della maggioranza. Sull’approvazione del nuovo regolamento sui rifiuti, il Consigliere Mario Di Meglio ha poi acceso un lungo dibattito con il Dott. Mattera su un punto del regolamento, punto però non oggetto delle modifiche e della delibera, ossia un articolo dello stesso che consente alle utenze non domestiche di beneficiare di uno sconto anche importante sulla TARI qualora la struttura riesca a ridurre il conferimento di rifiuti a seguito di un investimento notevole a tal scopo. L’opposizione contesta il fatto che tali circostanze non sono verificabili a causa dell’ambiguità della norma, già segnalata in passato ma mai modificata, della possibilità di abusi e della mancanza di strumenti idonei ad accertare inequivocabilmente tali circostanze. Si è pertanto convenuto, dopo una presa d’atto della criticità anche da parte dei banchi della maggioranza, di passare comunque all’approvazione del nuovo regolamento, salvo riaprire la discussione quanto prima nel prossimo futuro per porre rimedio a questa problematica.

Ads

In conseguenza di ciò ed anche a seguito dell’approvazione del nuovo P.E.F. in Consiglio dei Ministri, la maggioranza ha proposto il ritiro del punto numero 4 sull’approvazione delle nuove tariffe per la tassa sui rifiuti, in vista di una nuova seduta del Consiglio Comunale che rimedi al vulnus normativo segnalato dalla minoranza. Anche l’ultimo punto, come tutti i precedenti, sulla presa d’atto del Piano Economico Finanziario sui rifiuti per l’anno 2020, è passato con i soli voti favorevoli della maggioranza.Si è pertanto sciolta rapidamente la seduta senza particolari sorprese o tensioni tra le forze politiche.

Ads

.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex