CULTURA & SOCIETA'

Barano come Spaccanapoli: ecco i presepi per rivivere l’atmosfera natalizia con gli artistici pastori del maestro Antonio Cutaneo

ARTE & TRADIZIONE IN PIAZZA SAN ROCCO A BARANO D’ISCHIA DOVE SI RESPIRA L’ARIA NATALIZIA DELLA FAMOSA STRADA DEI PASTORI, OVVERO, SAN GREGORIO ARMENO LA MECCA PRESEPIALE DI SPACCANAPOLI – Canzoncine natalizie, una vasta esposizione di pastori e mini-presepi appena realizzati, una scelta di casette ed altri elementi artistici per l’allestimento di presepi impegnativi è tutto quanto il visitatore si trova davanti appena mette piede nel negozio laboratorio di Antonio Cutaneo al centro di Barano. E’ lì che l’artista ischitano ormai lavora a tempo pieno con la collaborazione delle sue figlie Angela Maria ed Elisabetta,impegnate per lo più nella la creazione dei vestiti per quei pastori di migliore fattura e di maggiore pregio. Si opera in famiglia e si guarda al futuro con grande fiducia - L’obiettivo è quello anche di ricevere ordini per l’esportazione delle proprie creazioni in Italia e all’estero

Il rilancio sull’isola d’Ischia dell’attività presepiale sostenuta e portata avanti da un buon numero di appassionati ed esperti presepisti, in famiglia ed in luoghi pubblici, coincide, già da cinque anni con la nascita di una bottega d’arte aperta nel centro di Barano d’Ischia da Antonio Cutaneo artista dal multiforme ingegno sin dai tempi di quando era ragazzo allievo del’ndmenticabile artista, pittore e collegista Prof. Vincenzo Funiciellol. Portato ad esprimersi in quasi tutte le forme di arte a lui congeniali, Cutaneo ha rispolverato la vecchia passione per la terracotta assimilata alla scuola dell’artista Egidio Taglialatela nel 1965.

L’ACCORSATA BOTTEGA D’ARTE DI ANTONIO CUTANEO IN PIAZZA SAN ROCCO A BARANO

E’ la materia prima per sperimentarsi nella creazione dei pastori da presepe di varie dimensioni, con pezzi singoli, in coppia e composizioni rappresentative di scena come il pecoraio col suo gregge, il falegname con i suoi arnesi, l’arrotino con la ruota , il fruttivendolo, il mercato, l’acquaiuolo, il banco del pane con i classici tortanelli di san Biagio, il castagnaro, il ramista ed altri soggetti a tema, usciti dalla fertile fantasia del maestro, riconosciuto tale da una critica favorevole dovutagli per le numerose dimostrazioni di talento inconfutabili offerte da quando riesce ad esprimersi al meglio. I pastori in terracotta sono oggi al centro dell’attività artistica della sua bottega d’arte nata d’apprincipio con modelli di decorazione, forme di restauro varie, dipinti e collage in stoffa colorata del personale repertorio artistico di tutta una carriera che continua per l’appunto con l’esperienza di oltre quaqttrp anni dell’uso della terracotta in un campo di stretta attualità, quale è quello dei pastori da presepe. L’influenza di San Gregorio Armeno, la mecca dei pastori napoletani di medio ed alto pregio, lo tenta e lo incuriosisce, ma non lo prostra, perchè Cutaneo sa costruirsi da sé, specie in questo campo dove l’orgoglio di non sentirsi da meno dei maestri di Spaccanapoli gli quintuplica le forze e risorse creative, e con l’umiltà e la discrezione che lo contraddistinguono, si mantiene sul mercato con questo genere di prodotto che ormai da anni sull’isola porta la sua firma, con apprezzabile successo.

Sono stati in tanti in questo proficuo arco di tempo ad aver visitato la bottega d’arte di Antonio Cutaneo, in Piazza San Roco nel centro di Barano, specie durante le settimane che hanno preceduto il Natale dell’anno passato, e di quello ormai imminente (mancano esattamente 20 giorni) in cui fervono i preparativi per l’allestimento dei presepi. Cutaneo sulle scaffalature della sua bottega ha già posto in bella mostra molti pezzi della sua recentissima produzione, qualcuno finito di realizzarlo uno o due giorni fa, con la coloratura finale. Senza dubbio i presepi ed i pastori di San Gregorio Armeno sono di alta scuola artistica dei vari Ferrigno, Del Giudice, Scognamillo e rappresentano un importante punto di riferimento per tutti coloro che amano allestire un presepe degno di questo nome con materiale di qualità. Cutaneo questo lo sa e si affida al suo ingegno per creare opere di bellezza pari a quelle in mostra nelle botteghe della famosa strada napoletana. Nel suo lavoro è affiancato da una delle sue figlie, Angela che oltre alla preparazione e l’uso dei vari colori per la decorazione delle statuine, è impegnata principalmente nella realizzazione degli abiti che indossano i pastori appena costruiti.

Antonio Cutaneo modella i volti dei pastori, li affina e gli conferisce l’espressione, per quanto gli è possibile, corrispondente al ruolo e al tipo di mestiere per cui sono stati costruiti. Il volto marcato del fabbro, quello luminoso della portatrice di frutta e verdura, le pecorelle tutt’altro che smarrite, il volto speranzoso del pescatore, del cacciatore, del castagnaio,l’aspetto radioso della natività, il portamento regale dei Re Magi sono il risultato di un lavoro immaginato e reso palpabile dalle mani esperte e dall’occhio vivo del suo inventore. Insomma sono i personaggi di una famiglia di pastori che a mano a mano si estende fino a raggiungere il numero sufficiente per potersi dire produzione completa dalle ampie possibilità di scelta. In questi ultimi mesi Antonio Cutaneo ha approntato la nuova produzione natale 2022 con la realizzazione di specifiche composizioni a compimento di una limitata gamma di soggetti ciascuno esclusivo dell’altro, unici nella catalogazione. In pratica Cutaneo non ha lavorato in serie, ha prodotto esemplari di ottima fattura che una volta venduti non se ne trova uno uguale.

L’ARTISTA ISCHITANO ANTONIO CUTANEO

Per questo il loro valore diventa notevole e motivo di specifico interesse da parte di presepisti non solo ischitani, ma anche italiani e straieri che intendono arricchire la propria collezione di pezzi inediti . Quindi anche da quest’anno gli artistici pastori firmati dal nostro Antonio Cutaneo entrano a fa parte di diritto del paradiso promozionale e commerciale del Made in Ischia con tutte le carte in regola, essendo il loro disegnatore e costruttore insieme agli altri artisti locali, valido interprete della diffusione dell’immagine di Ischia nel mondo in ogni sua forma espressiva. Fra l’atro, il dato ancora più significativo sta nel fatto che l’artista ischitano Antonio Cutaneo, sia l’unico sull’isola a costruire pastori e ad allestire presepi sia pur per ora in miniatura, e a continuare un filone che fino ad oggi ha fatto le fortune della famigerata strada di San Gregorio Armeno a Napoli. Per scoprire un altro costruttore di pastori e palazzotti per il presepe , bisogna invece portarsi molto indietro nel tempo e fermarsi agli anni ’40 ed ai primi anni ’50. A quel tempo a costruire piccoli pastori di terracotta e casette per il presepe a livello assolutamente artigianale, era un signore pensionato dai modi gentili che per arrotondare le entrate faceva fotografie per tessera. Si chiamava Don Pasquale ed abitava in via Luigi Mazzella ad Ischia Ponte al di sopra della Galleria d’arte M.Mazzella con negozietto di fronte al fianco della storica tabaccheria dei fu Antonio e Guido Castagna. Ma questa è un’altra storia.

Ads

Foto di Giovan Giuseppe Lubrano Fotoreporter

Ads

antoniolubrano1941@gmail.com

info@ischiamonmdoblog.com

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex