SPORT

Barano, Di Meglio: «Casoria? Una partita decisiva per noi»

Si dovrebbe tornare in campo sabato anche se stando a quanto sta accadendo per al compagine della terra ferma il Casoria, in merito alla disponibilità del campo, tutto è in corsa d’opera. Al di là delle problematiche riguardanti appunto il campo del Casoria, il Papa, i bianconeri sembrano essere pronti e determinati a scendere in campo per dare il meglio di sé in vista di quelle che saranno davvero tutte finalissime per cercare di salvare nuovamente questa squadra. E’ vero, ancora non è detta l’ultima parola, potrebbe esserci, seppur molto remota, una piccola possibilità di riuscire a salvarsi direttamente. Una minima possibilità di compiere il miracolo, miracoli ai quali il Barano diciamo non è esente se consideriamo la scorsa stagione e quel riuscire a salvarsi in extremis, potremmo dire all’ultimo minuto dell’ultima partita di stagione. Un miracolo che speriamo si compia anche quest’anno e che a quanto pare molto dipenderà proprio dalla partita che si svolgerà questo weekend col Casoria dove gli isolani sarebbero obbligati a fare risultato soprattutto in virtù dello scontro diretto tra Forio e Puteolana. Al di là di punti e classifica resta di fatto che la squadra degli aquilotti ha un po’ di sassolini da togliersi dalle scarpe e dei riscatti come quello del match con la Flegrea, dove dopo il vantaggio iniziale si perse poi una gara con un risultato davvero troppo pesante e con uno scarto importante, un 5-1, una brutta battuta d’arresto per la squadra di Gianni Di Meglio che ha il sapore di una doppia beffa- non solo perché si è perso uno scontro diretto per la salvezza- ma gli aquilotti sono scivolati al terzultimo posto in classifica, superati proprio dalla Puteolana 02 che è ritornata alla vittoria contro il San Giorgio. Una brutta sconfitta che Errichiello, uno oramai dei perni fondamentali della squadra così commentò e provò a dare una spiegazione in merito a quel blackout: «La Flegrea è una squadra molto forte e compatta. Noi per circa 60 minuti abbiamo avuto il possesso palla, mettendoli in difficoltà. Abbiamo creato anche delle occasioni che però non abbiamo sfruttato sotto porta. La Flegrea due settimane fa aveva compiuto un miracolo, battendo in rimonta per 4-2 la Frattese. Noi andando in vantaggio, non ci potevamo aspettare che loro non facevano di tutto per rimontare il risultato. Dopo il primo gol subito su calcio piazzato e come se abbiamo avuto un black-out. Non abbiamo avuto la forza di rialzarci e di ritornare a giocare. E’ stato un black-out mentale. Dopo il primo gol che hanno segnato, hanno iniziato ad attaccarci per circa 30 minuti ed in fatti in sei minuti hanno segnato altri due gol. Da lì in poi siamo crollati nettamente sia fisicamente che psicologicamente».

Ma oramai questa è andata, al Mondragone ci penseremo da lunedì, visto che il recupero sarebbe proprio per la settimana prossima. Ora è tempo di Casoria e soprattutto di cercare di fare punti costi quel che costi. Di questo e altro ne abbiamo parlato con il tecnico Gianni Di Meglio.

Mister, ci siamo domani si scende finalmente in campo, dopo potremmo dire due settimane, considerando lo stop forzato di sabato scorso col Mondragone. Due settimane dove si è avuto il tempo di allenarsi per bene e riprendersi se vogliamo anche da quel blackout con al Flegrea e provate il colpaccio col Casoria, una gara importante soprattutto in base al risultato dello scontro diretto poi di domenica tra Forio e Puteolana, quella Puteolana alla quale forse avete già regalato qualcosa…

«Si, si torna finalmente in campo. Il match col Mondragone dovremmo forse recuperarlo la prossima settimana. Al momento comunque quello che più ci interessa è il match di sabato con il Casoria, dove considerando anche lo scontro diretto tra Forio e Puteolana, è per noi una delle gare più importanti anche se siamo consapevoli del fatto che da qui alla fine saranno per noi tutte finali. La scorsa settimana abbiamo visto che comunque sono andati bene dei risultati di alcune partite anche per noi, ma finché non facciamo punti resta tutto così com’è e non ci cambia nulla, quindi dobbiamo assolutamente cercare di far risultato».

Come vive la squadra, questo periodo di stress se così possiamo definirlo considerando il fatto che bisogna necessariamente portare a casa i risultati?  

Ads

«La squadra come è ovvio che sia è un po’ nervosa in questo periodo proprio perché oramai siamo nel momento più importante della stagione e sappiamo che dobbiamo darci dentro. Poi subito dopo, il Casoria, ci sarà anche il recupero con il Mondragone anche se cambia poco visto che si giocheranno tutte le gare in un fazzoletto. Questa di sabato al di là del fatto che la momento non si sa dove si giocherà ma è la più importante e la più tosta e la società si aspetta che i ragazzi una buona prestazione e sperano tanto in qualche gioia a livello di punti in classifica».

Ads

Di Oratore cosa ci dice? E’ pronto a scendere in campo? Il resto, tutti disponibili?

«Si sta allenando con i compagni da una settimana vedremo, ma sembra in buona forma. Dovrò fare a meno di Pistola e Arcamone che ovviamente slittando la gara slittano anche le squalifiche».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button