Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Barano, il Redentore “imbrigliato” fa ancora paura

Continua a far paura la statua del Redentore in cima al Campanile di San Sebastiano in Piazza San Rocco. Ancora nessuna traccia dell’intervento di restauro del Cristo in malta e gesso che sovrasta il centro di Barano. Il progetto è già stato redatto da tempo dai tecnici incaricati dalla Curia e rientra nel piano d’interventi di manutenzione straordinaria dell’intero luogo di culto di Piazza San Rocco. Si attende il placet della Sovrintendenza che sta impiegando tempi biblici per dare il via libera alle opere.

Dopo un minuzioso sopralluogo di due anni fa, fu ufficialmente scongiurata una sua rimozione. La centenaria statua del Cristo attende di essere recuperata mediante interventi ad hoc. Risale al febbraio del 2015 l’opera di messa in sicurezza mediante un avvolgimento consistente di reti metalliche lungo l’intera effigie alta circa tre metri e pesante attorno ai 150 quintali. L’intervento, come si ricorderà, fu sollecitato dal Sindaco Paolino Buono attraverso un’ordinanza a seguito di un sopralluogo dei tecnici comunali che avevano raccolto varie segnalazioni di preoccupati cittadini per le vistose crepe lungo tutto il busto. Furono necessarie circa tre ore e tre operai scalatori per eseguire l’intervento sul cestello di un camion gru a venti metri d’altezza.

Il Cristo Redentore, con una croce in ferro sulla destra, si trova ad un’altezza di quindici metri ed è composto da una malta al cui interno è installata un’anima in ferro dalla forma elicoidale. Sovrasta Piazza San Rocco da oltre cento anni e fu una donazione alla Chiesa di Palma Di Iorio. Negli Anni Sessanta un fulmine troncò di netto il braccio alzato e qualche anno dopo fu ricostruito dall’artista Giovanni Di Costanzo di Buonopane, scomparso alcuni anni fa. Oggi le sue condizioni sono pessime e un intervento di restauro non è più rinviabile. Le preoccupazioni dei cittadini restano alte e l’apprensione, guardando con il naso all’insù, cresce in maniera vertiginosa. E la Sovrintendenza dorme sonni tranquilli, mentre in chiesa si prega…

LUIGI BALESTRIERE

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex