ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Barano, la Vodafone vuole 26mila euro e fa un pasticcio: il Comune si oppone e ride

Tra le tante soluzioni per comunicare la Vodafone ha scelto quella del Tribunale di Milano per farlo con il Comune di Barano. E’, infatti, delle scorse settimane l’arrivo in Via Corrado Buono del decreto ingiuntivo promosso dalla società telefonica per un credito di poco più di 26mila euro. Una somma dovuta dall’ente comunale che la Vodafone ha richiesto attraverso le aule di giustizia. La curiosità sta nel fatto che il ricorso è stato presentato presso il Tribunale di Napoli, ma poi il provvedimento è stato emanato da quello di Milano. Nell’arco dei 40 giorni, però, l’Amministrazione Comunale ha deciso di ricorrere con quella che tecnicamente si chiama opposizione a decreto ingiuntivo.

Sarà l’avvocato Raffaele Pesce a dover difendere il Comune, nominato attraverso una delibera di giunta municipale ad hoc. Il suo arduo compito sarà anche quello di praticare la strada della conciliazione. La questione, però, rischia di scivolare nella classica ilarità e l’atto giudiziario potrebbe avere buone possibilità di essere utilizzato come coriandoli a carnevale. Se il foro competente è quello di Napoli, come può la questione essere decisa a Milano? Misteri della giustizia italiana. Ma si aggiunge un altro interrogativo, ancora più interessante: quante bollette il Comune di Barano non ha pagato alla Vodafone? Come sostiene il recente slogan della compagnia multinazionale di telefonia,  il futuro è davvero straordinario… ma anche il presente non scherza.

Luigi Balestriere

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close