Statistiche
POLITICA

Barano paga Amodio, per il rinnovo della convenzione ecco i consigli comunali

Appuntamento il 27 settembre ad Ischia e il 30 nel Comune collinare: i due enti si dividono le prestazioni del segretario comunale ma c’era chi era inadempiente da tempo nel saldare le spettanze dovute

Una riunione di maggioranza che sarebbe dovuta tornare utile per discutere di una serie di problematiche, ma che alla fine è stata nei contenuti molto più sintetica e stringata di quanto fosse lecito attendersi. E’ questo l’esito del summit indetto nella serata di lunedì dal sindaco d’Ischia, Enzo Ferrandino, e che ha visto le assenze dei consiglieri Mario Zanghi, Massimo Trofa,

Titti Lubrano e Maurizio De Luise (quest’ultimo pare in quel di Bruxelles in compagnia dell’eurodeputato Giosi Ferrandino). L’oggetto di discussione era il rinnovo della convenzione congiunta, ormai consolidata da anni, tra il Comune di Ischia e quello di Barano, che si contendono le prestazioni professionali del segretario generale Giovanni Amodio. E che dovrebbero fare altrettanto anche con la sua retribuzione. Dovrebbero, appunto, ed il condizionale è tutt’altro che casuale. Perché negli ultimi tempi l’ente collinare era diventato decisamente “allergico” nel mettere mano alla tasca, col risultato che le spettanze che Amodio doveva ancora riscuotere erano diventate non poca cosa. E, nell’imminenza di una convenzione in scadenza, questo avrebbe potuto rappresentare un ostacolo tutt’altro che di poco conto in sede di rinnovo.

L’amministrazione guidata da Dionigi Gaudioso voterà anche il bilancio consolidato 2018, la cui approvazione è invece ancora lontana a Ischia: ma Stilla e il revisore dei conti Trani lavorano alla chiusura del documento contabile di Ischiambiente

Ieri sera, ad ogni buon conto, Enzo Ferrandino ha inteso tranquillizzare i presenti. Pare infatti che il Comune guidato dal sindaco Giosi Gaudioso abbia iniziato a versare sul conto corrente di Amodio una parte degli arretrati e soprattutto abbia preso impegni nel garantire il saldo ovviamente in tempi ragionevoli e non biblici. Questo ovviamente ha fatto immediatamente scattare la convocazione di entrambi i consigli comunali. Ad Ischia, il presidente del civico consesso Ottorino Mattera lo ha convocato per il 26 settembre in prima convocazione e per il 27 settembre (quando effettivamente si svolgerà) alle ore 18, manco a dirlo con un solo punto all’ordine del giorno: “Approvazione schema di convenzione con il Comune di Barano d’Ischia per la gestione del servizio di segreteria comunale”. A Barano, pressoché in contemporanea, ha fatto lo stesso l’altro presidente dell’assise, l’ex sindaco Paolino Buono. Nel consiglio baranese però non si discuterà soltanto della convenzione ma ci saranno anche altri due punti all’ordine del giorno: il regolamento disciplinante le misure preventive per sostenere il contrasto dell’evasione dei contributi locali e soprattutto l’approvazione del bilancio consolidato 2018.

Già, quel bilancio consolidato la cui discussione in consiglio con annessa approvazione sembra essere ancora lontana ad Ischia. Il termine ultimo previsto dalle normative, lo ricordiamo, è fissato per il 30 settembre ma è chiaro che entro questa data a Ischia non ci sarà alcun consiglio comunale con quest’argomento all’ordine del giorno. E’ pressoché scontato che si attenderà la diffida del Prefetto con il termine di venti giorni per convocare la seduta, ma in ogni caso senza timori di sorta, visto che in caso di inottemperanza in questa circostanza non scatta lo scioglimento. Però si corre, questo è poco ma sicuro, e non è un caso che ieri negli uffici di Ischiambiente il presidente del consiglio di amministrazione, l’avv. Massimo Stilla, sia stato avvistato in compagnia del revisore dei conti Nicola Trani.

Ads

Insomma, l’intenzione è quella di chiudere la partita in un arco di tempo ragionevole. Per la cronaca, lunedì sera il sindaco Enzo Ferrandino – e qui torniamo al summit svoltosi nel palazzo municipale di via Iasolino – ha anche esposto ai presenti una serie di prossime iniziative tra cui l’imminente avvio dei lavori alla bocca vecchia del porto d’Ischia oltre al progetto legato alla realizzazione delle piste ciclabili. Qualcuno, a quanto sembra, sperava anche che il discorso potesse scivolare su tematiche un po’ più “bollenti”, ma non è stato così. E allora tutti a casa sereni e tranquilli, per uno scambio di opinioni un po’ più serrato se ne riparlerà un’altra volta. Magari la prossima.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex