CRONACA

Barano, stop al conferimento di rifiuti speciali e ingombranti

Le avverse condizioni meteo impediranno il trasferimento verso la terraferma e l’isola riscopre, ancora una volta, tutti i suoi “limiti”

Puntuale, con il suo carico di spaventose incertezze foriere di disagi che mettono a dura prova la tenuta del territorio ischitano, il maltempo di novembre è in grado di scombussolare radicalmente le abitudini degli isolani. Non solo disturba con i fastidiosi collegamenti a singhiozzo verso la terraferma, ma anche problemi sul territorio di non poco conto. Le previsioni per questa prima settimana di novembre minacciano pioggia a più non posso e il comune di Barano ha comunicato che giovedì 7 novembre, a causa delle condizioni meteo avverse che impediranno il regolare conferimento dei rifiuti in terraferma saranno sospesi il conferimento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, del verde e degli ingombranti. Cava Pallarito, insomma, non potrà essere utilizzata da chi questa settimana intendeva conferire i rifiuti speciali che si trovano nel comune di Barano.

Intanto la consigliera di minoranza Maria Grazia Di Scala, dopo aver visto un servizio del tg1 in cui si racconta di un virtuoso comune della provincia di Pavia dove si effettua la raccolta differenziata porta a porta, ha ricordato come nei comuni in cui si utilizza questo tipo di conferimento le percentuali di differenziata raggiungono livelli elevatissimi, percentuali che permetterebbero alle amministrazioni isolane di raggiungere nuovamente lo status di “comuni ricicloni” che quest’anno non ha visto protagonista nemmeno un singolo comune dell’isola. “L’indifferenziato in questi comuni – ricorda Maria Grazia Di Scala – viene raccolto in bidoni di plastica identificati con un codice che vengono pesati, e il cittadino paga quanto conferisce. Dal canto suo, il comune conferisce di meno in discarica, e conseguentemente i costi si abbattono per tutti. Ma è così difficile attuarlo da noi?”. Domanda che riaccende il dibattito su quale possa essere il miglior metodo di conferimento dei rifiuti, fermo restando che l’ideale sarebbe abbattere del tutto la produzione di rifiuti, con il compost in casa, boicottando prodotti imballati con plastica eccessiva e rincorrendo tutte le soluzioni che permettano di ridurre la produzione di rifiuti.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button